Toxoplasmosi e gravidanza ✿

 

L’eliminazione del toxoplasma da parte del gatto dura circa 15 giorni dal momento del contagio. In questa fase il gatto può essere asintomatico o presentare una lieve diarrea transitoria. Successivamente, dopo i fatidici 15 giorni, l’animale non sarà più contagioso ne per gli altri gatti, ne per le persone.

Dunque è vero che durante la gravidanza non si possono accarezzare i gatti?
Il toxoplasma viene trasmesso solo se si entra a diretto contatto con le feci dei un gatto infetto dopo 48 ore che sono state espulse. Pertanto se la lettiera del gatto viene cambiata quotidianamente, o si tratta di un gatto domestico che non esce di casa, la probabilità di potersi infettare è molto bassa.

Una buona pratica può essere quella di utilizzare i guanti per pulire la lettiera o per fare giardinaggio (nel caso in cui ci siano gatti randagi) e lavarsi accuratamente le mani con acqua corrente e sapone, soprattutto prima di toccarsi la bocca o la mucosa degli occhi.

MA ALLORA IL DISCORSO DELLA CARNE CRUDA E DELLA VERDURA LAVATA?
Se un gatto infetto si aggira nell’orto e sporca espellendo le oocisti il rischio di contagio risulta essere molto elevato. Pertanto, soprattutto durante la gravidanza, è indispensabile lavare accuratamente la frutta e la verdura, per evitare ogni tipo di contaminazione.

Inoltre, abbiamo detto che il toxoplasma presenta due diversi tipi … [SEGUE] 

 

Facebook Comments

1.8K Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1.8K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap