Ti racconto il mio parto… By Lunaspina ✿

 

Abbiamo mandato un messaggio ai nonni, che non riuscivano a capacitarsene, visto che eravamo partiti da casa nemmeno mezz’ora prima!

Erano le 5.15 del mattino. Due ore e quattro minuti dopo la prima contrazione; ventirè minuti dopo essere usciti di casa; forse quindici minuti o giù di lì dopo essere entrata in ospedale. Non me lo aspettavo così rapido, ed è stato piuttosto sconvolgente. E’ vero che in questo modo il dolore è durato poco, ma il distacco è stato quasi traumatico. Non ho avuto tempo di “salutare” la pancia, di accompagnare la mia piccola nella sua uscita verso il mondo, di vivere il travaglio e il parto con la lucidità e la consapevolezza che avrei voluto.

Per le prime settimane non è stato facile, ogni volta che ci pensavo mi veniva da piangere. Ora va meglio, anche se un po’ di dispiacere rimane.
Rimane però anche l’emozione di questa esperienza vissuta per la prima volta di notte… i fratellini sono nati uno alle 15 e uno alle 10.50, invece Veronica ha deciso di arrivare nel buio e nel silenzio che precede l’alba, quando il mondo è ancora addormentato, le strade sono deserte e le uniche luci sono quelle arancio tenue dei lampioni.

È arrivata mentre in giro per l’ospedale non c’era un’anima, mentre la sala parto era quieta, mentre tutto, intorno, sembrava come ovattato.
E quando ci hanno portato in camera, ho potuto salutare il nuovo giorno che sorgeva fuori dalla finestra con la mia piccola principessa tra le braccia.
È stato bello.

E ora… siamo finalmente in cinque!

Lunaspina

 

Disclaimer

I dettagli sui nomi degli ospedali o dei professionisti, vengono omessi o modificati dalla redazione per evitare ogni relazione con gli specifici punti nascita. I contenuti scelti sono tratti dai raccolti nel forum di Mammole o pervengono direttamente alla redazione segreteria[at]mammole.it e la pubblicazione viene rilanciata su tutta la rete del network, che è costituita da centinaia di pagine FB dei vari ospedali locali. I racconti non possono essere pertanto riconducibili a nessun luogo di nascita preciso, la pubblicazione sulla pagina del singolo reparto non lo identifica come un evento avvenuto nella specifica struttura.

 

 

racconti-parto-banner

scrivi-tuo-racconto-parto

Facebook Comments

3.9K Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3.9K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap