TI RACCONTO IL MIO PARTO… BY Tanya ✿

 

Mi impegnavo a seguire i movimenti consigliati dalla mia ginecologa per facilitare il rilassamento dei muscoli ed evitare di irrigidirmi.
La stanchezza stava per prendere il sopravvento ma finalmente mi dissero di spingere perché si vedeva la testolina con tanto di capelli.

Erano le 20:30 quando nacque il mio amore dopo 12 ore di travaglio.
Me lo poggiarono sul seno, ero così elice di vedere quel piccolo visino, dopodiché lo portarono a fare il bagnetto e i dovuti controlli.

Scelsi di non far entrare mio marito: mi sentivo troppo sfinita e sofferente per farlo assistere al parto – anche la mia ginecologa mi consigliò di non farlo entrare.
La placenta uscì subito dopo fortunatamente, potevo finalmente riposare e godermi il mio dolce bimbo.

Ricordo che quando fecero entrare mio marito per vedere il bambino ero emozionatissima, lo tenne in braccio e guardandoci negli occhi non potevamo ancora credere che quel piccolo scricciolo che tanto avevamo aspettato era già lì con noi. 

Tanya 

 

 

Disclaimer
I dettagli sui nomi degli ospedali o dei professionisti, vengono omessi o modificati dalla redazione per evitare ogni relazione con gli specifici punti nascita. I contenuti scelti sono tratti dai raccolti nel forum di Mammole o pervengono direttamente alla redazione segreteria[at]mammole.it e la pubblicazione viene rilanciata su tutta la rete del network, che è costituita da centinaia di pagine FB dei vari ospedali locali. I racconti non possono essere pertanto riconducibili a nessun luogo di nascita preciso, la pubblicazione sulla pagina del singolo reparto non lo identifica come un evento avvenuto nella specifica struttura.

 

 

scrivi-tuo-racconto-parto

 

racconti-parto-banner
Facebook Comments

589 Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

589 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap