Ti racconto il mio parto… By Guenda ✿

parto

Tre parti, tre esperienze uniche, intense e magiche.

Il primo,il più lungo e faticoso,vissuto con poca consapevolezza perché completamente inghiottita dagli eventi e il dolore!

 

Durante una cena da amici di domenica inizio ad avvertire le prime deboli contrazioni, sono a 39 settimane!
Rimango a casa con contrazioni tutto il lunedì e la notte,intorno alle tre decidiamo di recarci in ospedale. Trenta minuti di viaggio che mi sembrano eterni; arriviamo in reparto e durante il tracciato le contrazioni tornano a distanziarsi.

Collo dell’utero ancora retroverso e 1 cm di dilatazione. Decidono comunque di farci rimanere. Io ho male e sono stanca, emozionata ed impaurita… tra una contrazione e l’altra arriva l’alba del martedì, il mio compagno avvisa genitori e fratelli che siamo in ospedale!
Non voglio fare colazione, anche se non mangio dal lunedì a pranzo.

 

Passano le ore e sono stanca, in più riesco a stare solo in piedi e le gambe iniziano a farmi male.

Alle 14 mi portano in sala parto… nuova e bellissima e penso “ci siamo” . Ho un’ostetrica giovane accanto a me che prova tutto per darmi sollievo alla schiena, il punto in cui ho più male e sento le contrazioni; mi fa la doccia, mi massaggia e poi, lasciandomi in ginocchio mi visita… collo ancora posteriore e tre cm di dilatazione. Ma prova a sollevarmi, dicendomi che entro le 20 avrò partorito.

 

Questo termine mi da forza e coraggio, sono esausta e penso solo che alle 20 potrò riposare.
Cambio turno… cambio ostetrica.

Arriva Lei, la donna più dolce che ho incontrato nella vita fino a quel momento.

Mi porta uno sgabello da parto per provare a farmi sedere, mi fa bere un po di the cado con tanto zucchero, perché sono digiuna da troppo tempo. Mi visita e mi accarezza la schiena… manda il mio compagno a prendere un caffè e io, su quello sgabello con le sue carezze e le luci soffuse, riesco a riposare tra una contrazione e l’altra.

 

segue

 

 

Una risposta a “Ti racconto il mio parto… By Guenda ✿”

  1. Sono a 35 settimane e inizia l’ansia per il parto! La paura più grande è quella di non trovare personale che mi aiuti in quei momenti che mi stia accanto, la fortuna che hai trovato tu è stata immensa secondo me… hai raccontato tutto in maniera chiara e significativa , mi hai commosso! Grazie dell’esperienza e spero con tutto il cuore che in ogni ospedale esistano angeli così che aiutano una giovane mamma a diventare tale! 😊 in bocca al lupo a te al tuo bambino e alla tua famiglia! Giorgia

    Rispondi

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>