La Pressione Arteriosa in Gravidanza ✿

Valori pressori inferiori a 120/80 sono da considerarsi ottimali, purché la pressione arteriosa massima sia superiore a 100, altrimenti si ha ipotensione.
Invece quando la pressione arteriosa è superiore a 140/90 si ha l’ipertensione, che può essere lieve, moderata o grave.

La misurazione della pressione sanguigna eseguita in tutte le sedute ostetriche, è un controllo necessario per valutare il corretto decorso fisiologico della gravidanza.
Durante la gestazione, la P.A. risulta generalmente più bassa a causa dell’influenza dell’ormone Progesterone che esercita un effetto rilassante sulle pareti dei vasi sanguigni, riducendo le resistenze periferiche.

Come effetto dell’ipotensione possono essere frequenti situazioni di capogiro, mal di testa e affaticamento soprattutto nel primo e nel secondo trimestre e quando si assumo posizioni erette o supine per lungo tempo.

I valori pressori tendono a tornare alla normalità nel terzo trimestre di gravidanza.
Molte donne sperimentano, in prossimità del termine della gravidanza, edemi alle gambe per l’effetto combinato del progesterone e dell’ostacolo al ritorno venoso dovuto al peso dell’utero gravido e della forza di gravità.

Gli edemi sono accentuati nelle donne con problemi

 

Facebook Comments

2.5K Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2.5K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap