Donare il latte materno: una scelta di solidarietà ✿

Gli studi hanno dimostrato che la presenza di una BLUD in una Terapia Intensiva Neonatale riduce significativamente la percentuale di neonati che ricevono latte in formula, e aumenta la percentuale di neonati allattati esclusivamente al seno alla dimissione.
L’uso del latte di banca, si configura dunque come una strategia chiave per promuovere l’allattamento al seno nelle realtà ospedaliere; oltre a fornire un alimento di altissima qualità per i neonati ricoverati sia a termine che pretermine.

Anche la WHO e l’UNICEF si sono espressi con una dichiarazione congiunta in cui affermano che l’apertura di una Banca del Latte Umano rientra nel quadro delle iniziative che a livello internazionale vengono intraprese per promuovere e supportare l’allattamento al seno.

Le Linee di indirizzo nazionali sulla protezione, la promozione ed il sostegno dell’allattamento al seno (GU n.32 del 7/2/2008) affermano che “il latte materno, dato al seno oppure come latte di banca donato da madre o da donatrice è, laddove non controindicato, l’alimento più adeguato ai fabbisogni nutrizionali dei neonati prematuri e ricoverati”.

In Italia la prima Banca del Latte Umano con caratteristiche moderne compare a Firenze nel 1971, ma solo nel 2008 in Toscana viene costituita la Rete Regionale delle Banche del Latte Umano Donato (ReBLUD), primo esempio di rete in Europa.
Il nostro Paese risulta essere attualmente uno dei più attivi a livello europeo, con 30 centri presenti sul territorio.

L’attività delle banche viene coordinata dall’Associazione Italiana Banche… [SEGUE] 

 

Facebook Comments

2.2K Shares

7 thoughts on “Donare il latte materno: una scelta di solidarietà ✿

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2.2K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap