Come vedono i neonati? ✿

vistaneonatoNumerose equipe di ricerca, si dedicano allo studio della percezione e cognizione visiva dell’infanzia.
Si è recentemente scoperto che, a differenza di ciò che si pensava, i bambini durante i primi giorni della loro vita non vedono solo in bianco e nero, ma hanno la percezione di alcuni colori anche se con modalità limitate.

 

L’acuità visiva nei neonati
Durante i primi 5 giorni di vita dei bambini l’acuità visiva (ovvero la capacità dell’occhio di risolvere e percepire dettagli fini di un oggetto) è pari solo al 5% di quella di un adulto, quindi tutto appare al neonato molto sfocato e solo a circa 30 cm di distanza può riconoscere un volto.
Già dai due mesi, però, un bambino è in grado di distinguere il rosso dal verde e a tre-quattro mesi, riconosce il blu ed il giallo, purché siano di tonalità intense.

 

A sei mesi, poi, la visione dei colori e l’acuità visiva sono paragonabili a quelli di un adulto.
Sempre in questo periodo si sviluppa il coordinamento tra i due occhi, che permette di percepire la profondità e la visione stereoscopica. Tale sistema otterrà il suo pieno sviluppo verso i 10 anni circa del bambino.

 

La ricerca che studia l’universalità dei colori
Una ricerca realizzata nel Baby Lab dell’università del Sussex (UK) ha visto coinvolti ben 170 bambini tra i due e i quattro mesi ed ha rilevao che già alla nascita un neonato “conosce” le categorie dei colori e li divide in cinque grandi gruppi: rosso, blu, verde, giallo e viola.
Le stesse categorie vengono utilizzati per i bambini appartenenti a tutte le lingue del mondo.
Dunque i colori sarebbero universali e non si apprenderebbero attraverso il linguaggio, sfatando così la concezione che nasceva dalla costatazione che in lingue diverse i colori sono spesso categorizzati in maniera differente e che alcune lingue non posseggono parole per distinguere il blu dal verde.
L’influenza della cultura si avrebbe poi solo in seguito, portando a privilegiare alcune sfumature piuttosto che altre.

 

Ma se i colori visti dai neonati fossero indicatori di ciò per cui veramente siamo nati?
Da quanto abbiamo appreso precedentemente i bambini nascono con la capacità innata di percepire determinati colori e sfumature, quasi ad indicare l’importanza di essi nella nostra vita.
Nessuna sequenza deve andare persa o smarrita, tutto il nostro tempo disponibile va vissuto nella sua pienezza e totalità.

E se ai colori corrispondono veri e propri stati emotivi, come enuncia la teoria del famoso pittore Vasilij Kandinskij, direi che già fin dai nostri primi attimi di vita abbiamo la consapevolezza di spendere i nostri istanti alla continua ricerca di ciò che ci fa sentire vivi… o meglio, alla perenne ricerca della Felicità!

 

Valentina Bruno

Scrittrice per il web, mamma instancabile (x2)

 

 

 

forum approfondire segue

Facebook Comments

1.1K Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1.1K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap