Ti racconto il mio parto… By Aliamiche

travaglio seduta

 

La data presunta del parto é il 24 aprile… ma già a fine marzo sono stanca, mi sento grassa e impacciata, in più star dietro al mio primogenito di 2 anni e mezzo con questo pancione non è facile! Inizio a sperare nasca con un paio di settimane di anticipo.
Il 2 aprile, giovedì, vado in ospedale per l’apertura della cartella clinica.

 

Mentre vado scherzo col mio compagno dicendo “com’è se mi visitano e mi trovano già dilatata?…”. Arrivo, faccio eco e colloquio con l’ostetrica, tutto ok. Mi visita e… collo completamente appianato e dilatazione di 3 cm abbondanti non ci potevo credere.

Faccio monitoraggio. Qualche contrazione c’è, le sento ma non sono forti.

 

Niente da fare, mi ricoverano. La notte le contrazioni aumentano, ma il resto rimane invariato. A mezzanotte mi metto a letto e le contrazioni spariscono. Un po’ sono sollevata: non ero pronta! Sono solo a 36+6!

 

Insisto per essere dimessa il mattino dopo e mi lasciano andare a casa.
Tutto tranquillo fino a sabato mattina, mi sveglio con gli slip bagnati e continuo a perdere… via in Pronto Soccorso perché ho paura di aver rotto il sacco in alto.

 

Di nuovo visita, monitoraggio… mi ricoverano… ancora!  Il sacco è integro, non ho contrazioni. Alla fine però col ginecologo di turno, mi dimette dicendomi “tanto ci rivediamo al più tardi lunedì, messa così non vai oltre!”
Domenica è Pasqua, pranzo coi parenti e zero contrazioni. Inizio ad avvilirmi, stare in questo limbo di attesa mi snerva. I miei restano a dormire a casa nostra perché dovesse partire il travaglio starebbero col mio primogenito, vanno a letto dicendomi “se stanotte dovete andare avvisate!” Io rido e rispondo che minimo arriverò a termine... di sicuro non sarei andata quella notte!

 

  1/2

SEGUE

 

 

Facebook Comments

0 Shares

One thought on “Ti racconto il mio parto… By Aliamiche

  • 3 Dicembre 2015 in 17:44
    Permalink

    La data presunta era il 24 agosto 2015 ma il mio fagottino è arrivato il 16 agosto. Il 15 mattina mi sono svegliata con delle perdite pensando che fosse urina invece dopo un po’ si sono fermate per riprendere successivamente, così ho mandato un sms alla mia dottoressa spiegandole il tutto, lei mi risponde di andare immediatamente in ospedale perché molto probabilmente il sacco si è rotto infatti alle 15:00 del 15 agosto mi ricoverano loro l’hanno chiamato prom. La sera alle 11:00 mi fanno una flebo di antibiotico per il sacco rotto e anche il monitoraggio a mezzanotte iniziano le contrazioni ogni 5 minuti. alle 6:00 del mattino ero esausta non ce la facevo più mi dissero di farmi una doccia perché il parto non era ancora aperto del tutto era solo di un centimetro e mezzo dopo aver fatto la doccia si era aperto di 4 centimetri così alle 7:00 sono andata nel blocco parto per un monitoraggio di lì le contrazioni erano una dietro l’altra non avevo neanche un minuto di respiro così alle 8:30 mi fecero l’epidurale.alle 14.00 il parto era completamente aperto e il Ostetrica sentiva la testolina del mio bimbo ma i miei capillari si erano gonfiati a tal punto di bloccare l’uscita del mio cucciolo così mi portarono in sala parto per farmi un cesareo ma come ultimo tentativo provarono con la ventosa così alle 15:20 e nato il mio cucciolo di 3 chili 170 e da quel giorno è iniziata una nuova vita per me e il mio compagno e devo dire che è stupendo…

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap