Perché la rabbia non passa?

Quando ci si arrabbia per qualcosa con qualcuno spesso è perché una aspettativa viene delusa e non si sa come rimpiazzarla. L’amico o il patner, il figlio adolescente o il collega di lavoro assumono un comportamento imprevisto, inaspettato, concedendo a loro stessi la “strana libertà” di fare delle loro vite quello che vogliono.
Si è usato un tono volutamente ironico per entrare nei panni della persona arrabbiata, sottolineandone il punto di vista fortemente egocentrico.

 

Quando è che la rabbia rimane?
La rabbia rimane quando è il punto di vista a non cambiare: si continua ad immaginare il “colpevole” compiere la scellerata azione o pronunciare le infami parole senza riuscire a pensare ad altro.
Si dimenticano o si fa fatica a riconoscere nella stessa persona le qualità tanto stimate e a metterle insieme a tanta malvagità, non si riesce proprio a pensare alla persona “ideale” come a qualcuno capace anche di sbagliare.
L’errore non è ammesso in quanto l’incoerenza tra quello che secondo il punto di vista dell’osservatore rappresenta il bene e il male non è concepibile in nessuno, tantomeno nelle persone care. È come se nel momento in cui si è iniziato un rapporto di amicizia, di amore, di filiazione, si sia anche tracciato un profilo di personalità dell’amico, del patner o del figlio che si pretende debba rimanere sempre lo stesso.

 

Perché c’è l’esigenza che gli altri si comportino sempre alla stessa maniera?
Essenzialmente per comodità, chi si comporta sempre allo stesso modo è più facile da gestire, viceversa chi cambia spesso richiede un dispendio energetico maggiore e una certa messa in discussione anche del proprio punto di vista.
La difficoltà quindi, in chi si arrabbia e non riesce a cambiare stato d’animo, consiste nella difficoltà a cambiare il proprio punto di vista in maniera flessibile.

Ti potrebbe interessare:  Piangere è sconveniente, non si deve mai piangere! ✿

 

Come è possibile uscire dal tunnel della rabbia?
Uno dei modi è proprio quello di iniziare a vedere l’altro come un individuo che è in cambiamento costante, cambiando ogni giorno, ora, minuto e secondo pensando di relazionarsi nei suoi confronti senza aspettative particolari vivendo il rapporto nel presente, intensamente, come se ogni minuto, ora, giorno passato insieme fosse l’ultimo.

 

 

Claudia Apperti

Psicologa e psicoterapeuta

 

 

forum approfondire segue

Facebook Comments

257 Shares

Claudia Apperti

Sono una professionista della salute, psicologa (laurea magistrale) e psicoterapeuta cognitivo comportamentale, regolarmente iscritta all’Albo degli Psicologi del Lazio, n. 11635. Da anni aiuto chi ha un problema a superarlo, attraverso la comprensione dei bisogni personali traditi e la scoperta delle risorse interne ed esterne funzionali ad esaudirli. E’ importante imparare ad inquadrare ogni difficoltà e conflitto come un mancato appagamento di un desiderio, spesso inconsapevole e mal espresso, ma che se realizzato rende la nostra vita felice e appagante. Amo quindi vedere nel disagio psicologico non qualcosa per cui biasimarsi o ritenersi sfortunati, ma un’opportunità per una propria evoluzione personale e un segnale indicante la necessità di apportare un cambiamento nella propria vita.

One thought on “Perché la rabbia non passa?

  • 11 Agosto 2019 in 23:12
    Permalink

    Mi permetto di dissentire dall’articolo. Accettare continuamente che gli altri facciano ciò che gli passa per la mente in quel momento significa svilire e sminuire noi stessi. Concordo con la necessità di smaltire rabbia (io personalmente ne ho parecchia incamerata a causa di persone che ogni giorno fanno come le pare) ma non credo che farci calpestare da chi non sa cos’è il rispetto sia giusto verso noi stessi.

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

257 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap