Quando nascerà? Te lo svela un test ✿

Attraverso questo studio, invece, i ricercatori hanno potuto scientificamente confutare un’errata convinzione, dimostrando che su un campione di 735 donne incinta, la misurazione della lunghezza della cervice diventa indicativa di parto entro la settimana successiva, con un’attendibilità pari all’85%.

Nello specifico, una misurazione al di sotto di 1 centimetro della lunghezza della cervice, diventa indicativa di parto imminente anche dopo lo scadere dei 9 mesi di gravidanza.
In associazione a questo parametro è stata anche presa in considerazione la misurazione del collo dell’utero, il quale dimostra che se al termine della gestazione presenta una lunghezza ancora superiore a 3 centimetri, la possibilità di parto nella settimana seguente è solo del 40%.

L’importanza di questo nuovo metodo di previsione del parto può rappresentare un valido aiuto non solo per le mamme in attesa ma anche per i ginecologi.
Soprattutto nelle situazioni di rischio di madre e nascituro, una valutazione di questo tipo può diventare un vero e proprio aiuto nello stabilire quando e come indurre il parto: si potrà infatti decidere di avviare farmacologicamente il travaglio se il bambino è sofferente, oppure si potrà scegliere di effettuare un cesareo se la lunghezza della cervice è ancora troppo lunga ma la gravidanza è giunta al termine.

Accanto ad una mera ansia e curiosità materna, la valutazione della lunghezza della cervice può essere considerata un valido parametro di misurazione che permette ai medici di intervenire adeguatamente alle circostanze.

 

Fonte Bibliografica
Transvaginal ultrasound cervical length for prediction of spontaneous labour at term: a systematic review and meta-analysis

Facebook Comments

1.8K Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1.8K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap