Alla ricerca del bambino perduto ✿

Un altro aspetto su cui possiamo riflettere sono i gesti e i comportamenti che rivolgiamo ai nostri figli.
Da cosa sono realmente dettati? Molto spesso nel rapporto genitore-figlio accade che ci sia in noi una ingiunzione che abbiamo appreso nell’infanzia, proprio dalle nostre figure genitoriali, e che abbiamo in qualche modo fatto nostra.

Senza rendercene conto la mettiamo in atto con i nostri figli:
per esempio se forzo il bambino a mangiare tutto quello che ha nel piatto, potrei seguire uno slogan genitoriale del tipo “Bisogna finire sempre tutto”, piuttosto che assecondare il senso di sazietà del bambino.

Oppure iscrivo mia figlia al corso di danza classica perché quando ero piccola sognavo di diventare una ballerina; ancora, decido di non dare regole ai miei figli perché io ho vissuto un’infanzia con molte imposizioni, così anziché proteggerli e dargli una direzione, mi comporto seguendo quello Stato dell’Io Bambino ribelle che non si vuole adattare alle imposizioni.

L’essere genitori riporta immancabilmente alle origini, alla propria infanzia, con gioie e dolori che le sono appartenuti, per attingere a quel repertorio conosciuto di strategie di “sopravvivenza” che da bambini abbiamo concertato ben bene per ottenere attenzioni ed amore.

Sembra incredibile, ma i bambini hanno la capacità [SEGUE]

 

Facebook Comments

1.8K Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1.8K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap