Il Lotus Birth, una filosofia di nascita ✿

Da allora, questa modalità di nascita si è diffusa nel mondo e la filosofia ad essa connessa è stata attivamente sostenuta soprattutto negli Stati Uniti ed in Australia, rispettivamente da Jeannine Parvati Baker e Shivam Rachana.
A inizio testo ho parlato della classica definizione del Lotus Birth come di “impropria”, questo perché non si deve pensare che si tratti di una semplice modalità di dare alla luce un figlio, diversa rispetto a quella tradizionale.

Si tratta piuttosto di una “filosofia” di nascita dolce, delicata, equilibrata, rispettosa e coloro che vi si approcciano, condividono un sentire spirituale che si discosta dalla visione comune.
Concettualmente, il legame tra neonato e placenta è molto forte in quanto entrambi hanno condiviso un contatto intimo e prolungato, che è quindi degno di rispetto tanto quanto quello esistente tra una madre e il proprio figlio.

Bambino e placenta sono formati dallo stesso materiale genetico, dalle stesse cellule, hanno il medesimo DNA e condividono pertanto un’unica risonanza: ecco quindi che nel Lotus Birth, la separazione tra i due avviene quando entrambi hanno realmente concluso il loro rapporto e hanno deciso che è giunto il momento di scindersi.
La fase di attesa del distacco è vista come un periodo di transizione, in cui il bambino può separarsi dal corpo della madre dolcemente, gradualmente, con quella pazienza cara all’ostetrica, completando al meglio la formazione del suo corpo eterico.

É all’interno di questo contesto che ha modo di sbocciare la filosofia dell’intimità, dell’integrazione, del bonding e del rispetto verso la natura che caratterizza la visione di alcune donne, coloro che appunto scelgono la nascita Lotus.

É quindi evidente che sembra riduttivo riferirsi al Lotus Birth come… [SEGUE]

 

 

Facebook Comments

2.7K Shares

4 thoughts on “Il Lotus Birth, una filosofia di nascita ✿

  • 13 Settembre 2019 in 17:55
    Permalink

    Com’è andata poi? hai trovato a Firenze un posto dove praticano il lotus o ti fanno portare la placenta a casa?

    Risposta
  • 10 Dicembre 2018 in 16:15
    Permalink

    La ringraziamo per il suo contenuto e le modalità con cui ha argomentato. Noi ci siamo limitati ad analizzare la modalità e i dati scientifici a disposizione. Il mondo ha bisogno di persone come lei che ci sappiano salvare dalla deriva culturale. Cordialmente

    Risposta
  • 8 Dicembre 2018 in 18:36
    Permalink

    Una stupidità assoluta. Basta ragionare un po’, benvenuti nel medioevo post new age

    Risposta
  • 20 Agosto 2015 in 18:46
    Permalink

    Salve, vorrei sapere se in tutta Italia è un diritto poter portare a casa la propria placenta? Perchè a Firenze ci avrebbero detto di no.. perciò stiamo cercando di capire se invece ne abbiamo diritto o dipende dall’asl..???

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2.7K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap