Bambini: perché bruciare le tappe? ✿

Esperti dicono anche che esiste la “rincorsa”, cioè quando un bimbo ha imparato una cosa nuova, come dormire nel suo lettino, o abbandonare il ciuccio, e d’un tratto è come se non lo avesse mai imparato e magari ricomincia a poppare al seno dieci volte al giorno! Sembra essere tutto normale.

È un loro modo di crescere senza fretta, prendendo appunto la “rincorsa” per diventare grandi. Quindi fanno qualche “passo indietro” per correre in avanti…
Così come bimbi guardano cartoni animati da “piccoli” anche se sono banali per loro, o leggono libricini per neonati, quando frequentano le elementari.

Se ci pensiamo bene, anche noi adulti a volte amiamo passare del tempo spensierato con attività che non ci si addicono. Vedi le varie consolle per giocare, o i film demenziali…
Tutto nella norma e non ci si deve preoccupare.

I bimbi sanno cosa devono fare!
Non dobbiamo avere fretta di vederli grandi, anche perché, con tutta probabilità, proprio i genitori che prima desiderano allontanare e responsabilizzare i propri figli, poi saranno quelli che desidereranno averli accanto quando, a sedici anni o giù di lì, avranno voglia di provare ad essere indipendenti, facendo le prime cose “da grandi”.

 

Nicla

 

Facebook Comments

2.6K Shares

3 thoughts on “Bambini: perché bruciare le tappe? ✿

  • 30 Aprile 2021 in 15:14
    Permalink

    Anche io credo che ci sia una corsa troppo esagerata la crescita del bambino al dirittura nelle scuole materne sembra che devono già saper fare tutto da soli io lo trovo esagerato e si nota anche nella molti ospedali dell’infermiere già da dopo la nascita di dopo il parto e ti dicono di mettere il bambino nel lettino ma qual è il problema se io voglio tenerlo al mio fianco, comunque non sono d’accordo con il bruciare le tappe i bambini hanno modo loro le capacità e arriverà il momento che sapranno gestirsi da soli con calma dolcezza e imparando dei genitori guardandosi intorno e sperimenteranno mi sembra ridicolo spingere e premere su dei comportamenti che arriveranno con naturalezza forse la nostra epoca del consumismo si sta ripercuotendo anche sui nostri figli non gli abbiamo mai dato veramente il tempo di crescere prima si dava troppa poca importanza al loro benessere adessoTutto per il loro benessere devono sbrigarsi devono correre più veloce e più in fretta non so io lo trovo esagerato sinceramente ci sono momenti in cui guardo mio figlio di quattro anni e vorrei di nuovo riabbracciarlo quando era piccolo cresciuto così in fretta e poi c’è tutta questa corsa anche con la scuola materna deve imparare devi scrivere devono contare io gli ho sempre detto vai e divertiti mi sembra questo il senso in questo momento e poi imparare divertendosi lo stesso metodo Montessori ripete e dice che il fanciullo e parecchi altri deve adeguarsi crescere con calma e avere i suoi tempi poi le cose alla fine senza neanche spiegargliele sono arrivate da sole come la pubertà alla fine primo poi nella vita Tutto è spontaneo non lo so società per me troppo malata e ci si pone troppi problemi che non esistono e andiamo a compromettere la salute del fanciullo fintanto che piccolo passano una vita dentro delle scuole pensando di avere un problema che in realtà non hanno per poi passare tutto il resto della loro vita risolve un problema che non esisteva assurdo
    Tanto anche se spingiamo per farli studiare non diventeranno dei Jenny se non vogliono se saranno interessati a qualcosa sono sicura che si informeranno da soli Io comunque sono per l’approccio amorevole l’affetto la calma e la dolcezza e che cresca con calma non c’è nessuna fretta in questo mondo

    Risposta
  • 14 Settembre 2015 in 23:50
    Permalink

    Non sono completamente d’accordo …
    Look at the gentle revolution di Glenn Doman…

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2.6K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap