Depressione post partum e baby blues ✿

mamma triste @

Il baby blues e la depressione post partum sono disturbi dell’umore materno che si manifestano nel primo periodo dopo la nascita del bambino.

 

Il baby blues è una forma di lieve depressione che colpisce circa il cinquanta per cento delle donne durante il puerperio.
Compare al secondo o terzo giorno dopo il parto ed è caratterizzato da irritabilità , ansia e senso di inadeguatezza.
Nella maggior parte dei casi questa sintomatologia si risolve spontaneamente nell’arco di due settimane e non comporta particolari alterazioni delle capacità materne.

 

Più tardiva e grave è invece la depressione post partum che colpisce circa il dieci per cento delle neo mamme. In questo caso il turbamento psicologico è più grave ed intenso, caratterizzato da una riduzione della autostima, dalla perdita della capacità di provare gioia, da sensazioni di ostilità ed irritazione nei confronti del neonato e da conseguenti sensi di colpa.
Questi ultimi sfociano in problemi di relazione con il bambino ed in difficoltà a prestare cure materne adeguate.

 

Per la donna, il periodo del puerperio è una fase di importanti cambiamenti ormonali ed emotivi in cui gli equilibri relazionali, sociali e anche il rapporto con sé stessa vengono rimessi in discussione e possono diventare problematici. La cura del bambino nei primi tre mesi di vita è un evento tanto meraviglioso quanto impegnativo e potenzialmente drammatico se viene affrontato in una condizione di isolamento e solitudine, come sempre più spesso accade nella nostra società.
L’avere avuto un parto fisiologico rappresenta un grosso aiuto dal punto di vista chimico e ormonale.

 

Grazie al rilascio di grosse quantità di endorfine, ossitocina e prolattina, che hanno una forte azione rilassante ed antidepressiva, si annullano molti degli effetti dovuti all’improvviso crollo delle concentrazioni di ormoni luteinici e placentari. Nel caso di parti complicati o con necessità di intervento medico invasivo invece non solo si perde questa risorsa fisiologica, ma si aggiungono traumi fisici e psicologici che facilitano l’evento depressivo fino a portare in alcuni casi a una seria condizione clinica denominata in ambito psichiatrico “Postpartum Post-trumatic Stress Disorder” o nevrosi traumatica da parto secondo l’orientamento psicoanalitico.

Ti potrebbe interessare:  Shopping da ciclo? ✿

 

Anche l’allattamento al seno costituisce un’importante risorsa contro la depressione postnatale.
Gli ormoni legati alla produzione del latte materno hanno infatti un effetto antidepressivo naturale e compensano il calo dovuto alla perdita della placenta.
In alcune donne la predisposizione a sviluppare disturbi depressivi nel post partum è più marcata.
L’importanza delle esperienze vissute nel primo anno di vita del bambino con la madre e con le altre figure di riferimento è universalmente riconosciuta nella letteratura scientifica sull’infanzia. Le difficoltà di relazione vissute in questo primo importante periodo di vita possono avere conseguenze di vario genere nello sviluppo successivo dell’individuo come, ad esempio, maggiori difficoltà a relazionarsi all’altro, disagio ad affrontare cambiamenti e transizioni nella vita adulta e anche un’aumentata tendenza alla depressione.

 

Per tutte queste ragioni è di grande importanza un’opera preventiva nei confronti del disagio materno nel periodo postnatale e in generale nel primo anno del bambino.
In quest’ottica, l’aiuto dei familiari e di personale qualificato può aiutare le neo mamme a riconoscere i primi segnali di malessere.
La semplice presa di coscienza dei problemi esistenti e della propria necessità  di ricevere aiuto e sostegno sono spesso sufficienti a risollevare la situazione. E’ fondamentale anche non abbandonare o isolare le neo mamme nelle loro difficoltà. Il partner ed i familiari dovrebbero fornire la massima disponibilità, vegliando serenamente ed attivamente sulla situazione, evitando imposizioni e giudizi critici e coinvolgendosi attivamente anche nella cura del bambino.

 

La mamma dovrebbe avere sempre a disposizione personale ostetrico specializzato a cui rivolgersi.
Per una madre in difficoltà, potersi indirizzare a figure autorevoli e dotate di una sincera sensibilità verso le questioni della nascita e del post partum è una risorsa di notevole importanza per acquisire una maggior sicurezza nelle proprie capacità ed elaborare la transizione alla maternità.

Ti potrebbe interessare:  Il labbro leporino: la battaglia quotidiana di Operation Smile ✿

 

 

Fonti Bibliografiche e approfondimenti

– Hidden male postnatal depression PDF

 

 

 

Facebook Comments
1.1K Shares

Laura Pellegrini

Psicologa clinica e psicoterapeuta in formazione a orientamento psicoanalitico lacaniano. Laureata in filosofia. Cultrice della materia presso la Facoltà di Psicologia di Milano dell’Università del Sacro Cuore. Si occupa delle tematiche legate alla femminilità e alla maternità nel campo della psicoanalisi, con particolare interesse per la clinica perinatale. Ha maturato esperienza nell’ambito della didattica e della formazione universitaria e della relazione d’aiuto con pazienti psichiatrici in contesto comunitario residenziale. Ha inoltre esperienza nel settore del fitness con particolare riguardo alle questioni legate all’allenamento e all’alimentazione durante la gestazione e l’allattamento.

3 thoughts on “Depressione post partum e baby blues ✿

  • 26 Maggio 2017 in 17:07
    Permalink

    Grazie per aver risposto…ho partorito all’ospedale santa Maria della misericordia di Perugia nel 2015.

    Risposta
  • 24 Maggio 2017 in 11:18
    Permalink

    Bell’articolo….peccato che nel mio caso il reparto maternità non è stato di alcun aiuto..anzi…i primi mesi sono stati terribili…baby blues altroché…é mai possibile che una neo mamma non possa vedere il proprio bimbo quando vuole dopo il parto?…10giorni ricoverato…da incubo e di pianti infiniti con conseguente ritorno a casa catastrofico…difficoltà ad allattare,bimbo con reflusso. Potevamo vedere il bimbo solo dalle15 alle 20 e ci toccava uscire lo stesso delle volte!!…e poi promuovere l’allattamento al seno, contatto con la mamma..bla bla…era come dover chiedere il permesso per sapere come sta tuo figlio se puoi accarezzarlo se puoi prenderlo in braccio…adesso ha due anni…é un bimbo splendido..ma ho il terrore di fare un altro figlio per la paura si ripassare quei momenti…dovreste prestare più attenzione alle mamme che hanno i bambini ricoverati…mi dispiace

    Risposta
    • 25 Maggio 2017 in 14:32
      Permalink

      Cara Claudia,
      ma dove hai partorito?
      Purtroppo esistono ancora realtà non attente ai bisogni profondi delle mamme e dei loro piccoli…
      un forte abbraccio

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1.1K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap