TI RACCONTO IL MIO PARTO… BY Annalisa ✿

9 novembre la data presunta del parto, ma ero convinta che ti saresti fatto attendere e che saremmo arrivati all’induzione. Mai una contrazione, mai un indurimento della pancia o uno strano mal di schiena.

 

Le mie compagne di corso preparto mi prendevano in giro chiedendomi “ma sei sicura di essere incinta?”
È il 3 novembre, sono le 4 del mattino e mi alzo perché ho dei lievi dolori mestruali.
Vado in bagno e trovo il “tappo” o almeno credo che sia quello. Chiamo babbo e gli chiedo di andare in ospedale, solo per tranquillizzarmi e farmi dire che è tutto ok. Il ginecologo mi visita e ci conferma che siamo ancora lontani. Nessuna contrazione né dilatazione.
Forse qualcosa è iniziato, ma dalla perdita del tappo possono passare settimane alla nascita.
Nel frattempo anche quei lievi dolori mestruali sono passati. Torniamo a casa sicuri che ti avremmo atteso ancora un po’.

 

È il 4 novembre e sono di nuovo le 4 del mattino.
Mi svegliano ancora i soliti dolori mestruali che però sembrano arrivare con cadenza regolare. Alle sei decido di farmi una doccia ed ecco che quei doloretti scompaiono di nuovo. Sarà un “falso travaglio “ ho pensato, così ci hanno detto durante il corso. Sono le 10 ,vado in bagno a fare pipì e vedo del sangue rosso vivo. Non so se è normale, mi spavento un po’ e chiedo a babbo di tornare in ospedale.
Facciamo tracciato e visita… calma piatta e nessuna dilatazione.

 

La ginecologa ci spiega che il collo dell’utero si sta modificando, ma potranno passare ancora giorni prima del tuo arrivo. Usciamo dal reparto alle 11.50, dobbiamo andare a pranzo dai nonni, ma in macchina quei lievi dolori mestruali si fanno sempre più forti.
Su consiglio della nostra ginecologa torniamo a casa e con l’aiuto di babbo mi spoglio e vado in doccia. Sono le 12.30 circa e I dolori sono tanto forti e ravvicinati, spero con il calore dell’acqua di affrontarli meglio… entro in doccia, ma ecco che ho subito voglia di spingere.

 

Chiedo a babbo di chiamare l’ambulanza, perché secondo me tu hai proprio voglia di nascere.
Arriva subito l’ambulanza e in poco tempo siamo in pronto soccorso dove ci attendono le ostriche, la ginecologa, il pediatra… sono tutti lì pronti a farti nascere.
La ginecologa ci aveva visitato appena un’ora prima ed è incredula nel vederci così.
Io cerco babbo che ancora non è arrivato, il mio unico pensiero è che arrivi in tempo, per vederti nascere.

 

Corriamo verso la sala parto, forse riusciamo a farti nascere lì, anche se ho già iniziato a spingere in ambulanza.
Ecco che tra i corridoi incontriamo babbo. È spaventato nel vedere questo lettino correre circondato dai medici e le ostetriche… immaginava ore e ore di travaglio, ma lo rassicuriamo.
“Va tutto bene babbo, Cesare sta nascendo più veloce della luce!
Sono le 13.31 quando ti sentiamo piangere. Sei così piccolo e così bello… arrivato inaspettatamente, sei stata la sorpresa più bella che potessimo ricevere.

 

 

Annalisa

 

 

 

Disclaimer
I dettagli sui nomi degli ospedali o dei professionisti, vengono omessi o modificati dalla redazione per evitare ogni relazione con gli specifici punti nascita. I contenuti scelti sono tratti dai raccolti nel forum di Mammole o pervengono direttamente alla redazione segreteria[at]mammole.it e la pubblicazione viene rilanciata su tutta la rete del network, che è costituita da centinaia di pagine FB dei vari ospedali locali. I racconti non possono essere pertanto riconducibili a nessun luogo di nascita preciso, la pubblicazione sulla pagina del singolo reparto non lo identifica come un evento avvenuto nella specifica struttura.

 

 

scrivi-tuo-racconto-parto

 

racconti-parto-banner
Ti potrebbe interessare:  I benefici dello yoga per le future mamme ✿

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>