Il motivo principale per cui questo accade è che la produzione di latte da parte della donna va a stimolare la produzione di neuro-ormoni che determinano una significativa riduzione dello stress e una complessiva sensazione di benessere.

Ovviamente, quindi, per le donne che sono impossibilitate per vari motivi ad allattare, le conseguenze saranno decisamente negative.
In questi casi, si ha a che fare con le madri maggiormente a rischio di depressione post-partum.

Essenzialmente le circostanze vanno a creare uno stato emotivo fortemente depressivo che va sotto il nome di “sindrome del fallimento”.
L’incidenza è pertanto sempre più maggiore quanto più sono gli sforzi condotti dalla madre per tentare l’allattamento al seno.

I risultati di questa ricerca si inseriscono all’interno di uno studio molto più ampio condotto sulla depressione post-partum.

 

Fonte Bibliografica
– Breastfeeding is negatively affected by prenatal depression and reduces postpartum depression

 

 

il più grande gruppo di mamme per l'allattamento

 

banner-fb-allattamento

Facebook Comments
2.8K Shares
2.8K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap