Urlo di Mamma ✿

urlo di mamma

Mamma Pinguina ha proprio esagerato.

 

“Stamattina la mia mamma ha urlato così forte, che mi ha mandato in mille pezzi”

Non sappiamo perché abbia urlato tanto forte, non è importante saperlo: ora dovrà affrontare le conseguenze del suo gesto.

I mille pezzi del suo piccino si sono sparsi ovunque: la testa fra le stelle, il corpo in mare, le ali nella giungla, il becco sui monti, il culetto in città; rimangono le zampe che continuano a correre.

 

Come potrà sentirsi adesso questa madre?

Possiamo immaginare i sensi di colpa, il rimorso, il pensiero difficile da sopportare di aver commesso un grave sbaglio.

Gli esiti “traumatici” sul suo bambino sono evidenti, indubbiamente con quel suo urlo colossale, gli ha fatto del male.

Potrebbe essere difficile ora reagire. Trovare il modo di affrontare questa dura realtà.

 

Che cosa si può fare se non convivere con il proprio sbaglio e analizzare fino infondo la propria colpa?

 

Eppure Mamma Pinguina troverà un modo per rimediare…

Alla sera le zampe arrivarono stanche morte nel deserto del Sahara, quando un’ombra enorme calò sopra do loro.
La mamma aveva raccolto e ricucito tutto.

 

Davvero di forte impatto simbolico ed emotivo il gesto della madre che ricuce e rimette insieme.
Accettare i propri errori è estremamente difficile; è però fondamentale farlo se poi vogliamo potervi porre rimedio.
D’altro canto, lo sappiamo, non sbagliare mai è qualcosa di impossibile.

 

Ma quest’opera di ricucitura è il mezzo che abbiamo a nostra disposizione per trasformare uno sbaglio nella possibilità di andare oltre ad esso (consapevoli che non è possibile cancellare ciò che è avvenuto).
Mamma Pinguina ha ora la possibilità di insegnare al suo bambino che gli errori sono ammessi e non solo: il piccolo imparerà anche che che porvi rimedio è possibile.
Questa lezione per lui sarà importante.

 

“Scusa se ho urlato così forte” disse la mamma.

 

Per approfondire: “Urlo di Mamma” di Jutta Bauer, Nord Sud edizioni

 

 

forum approfondire segue

 

 

 

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>