Mamme e Bambini, giochiamo con il Tangram

Grazie alla blogger “Mammasorriso”, proponiamo qui di seguito un’attività per bambini che, nella sua semplicità, custodisce in sé molteplici risorse ed effetti benefici.

Non resta che augurare : buona lettura !

 

Una leggenda narra che un monaco donò ad un suo discepolo un quadrato di porcellana ed un pennello, affinché viaggiasse e dipingesse sulla porcellana le bellezze trovate lungo il suo cammino.                     

Il discepolo per l’emozione fece cadere il quadrato che si ruppe in 7 pezzi.

 

Cercando di ricomporlo formò numerose figure e si rese conto di non dover più viaggiare perché da quel giorno poteva ottenere le bellezze del mondo utilizzando quei 7 pezzi. ( fonte Wikipedia )

 

Il TANGRAM è un rompicapo di antica e sconosciuta origine cinese, noto anche come ” il Quadrato della saggezza ” o ” delle 7 pietre della saggezza ” in quanto si riteneva che l’abilità acquisita in questo gioco portasse saggezza e talento.

 

La semplicità del gioco nasconde in realtà numerosi vantaggi didattici come riconoscere le diverse figure geometriche e saperle opportunamente posizionare per la raffigurazione di immagini, allenare la concentrazione, la logica, la creatività, la fantasia e riconoscere che figure diverse possono creare un’unica immagine.

 

Il Tangram si ottiene dividendo un quadrato in 7 pezzi, detti TAN, di grandezze e forme geometriche diverse:

– un quadrato

– un parallelogramma

– cinque triangoli (due piccoli, uno medio e due grandi )

 

Lo scopo del gioco è quello di utilizzare tutti i Tan senza sovrapporli e ricreare forme che richiamano figure stilizzate di persone, animali, oggetti, o semplicemente secondo la propria fantasia ma di senso compiuto. Si può acquistare, ma è facilissimo realizzarlo da sé, in legno o in cartoncino. Noi abbiamo utilizzato un cartoncino nero, per meglio far risaltare le figure, ricavando un quadrato di 15 cm di lato e tagliando i sette pezzi secondo questo schema :

 


dove i punti azzurri rappresentano i PUNTI MEDI e le linee rosse sono le linee dove tagliare il cartoncino.

 

All’inizio si potrà far usare i TAN seguendo la fantasia o semplicemente cercando di ricomporre il quadrato originale. Solo in seguito si cercherà di creare figure più complesse ( utilizzando degli schemi ) e, perché no, organizzare anche dei tornei in famiglia!

 

barchetta 

topolino

 

 

albero di Natale

 

Inutile dire che ha avuto molto successo!

Un sentito grazie a Mammasorriso: fonte

A cura di Marika Novaresio

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>