Riduzione smog e quoziente intellettivo dei bambini ✿

smog bambino

 

La riduzione dell’inquinamento atmosferico contribuisce, in una certa misura, allo sviluppo intellettivo dei bambini.

 

Lo hanno rivelato i ricercatori della Columbia University di New York, in uno studio pubblicato dal Journal of Public Health Policy. Meno smog in città, composto in prevalenza dagli scarichi delle auto, equivale a un maggior quoziente intellettivo (QI) nella popolazione più giovane. Anzi, giovanissima.

Sono soprattutto gli idrocarburi policiclici aromatici a determinare effetti negativi.

 

La ricerca si fonda su dati statistici e analisi che rispettano ogni carattere scientifico.

Come accade sovente negli Stati Uniti, gli studiosi hanno analizzato, oltre alle cause di una riduzione del QI nelle persone esposte all’inquinamento metropolitano fin dalla nascita, anche le ricadute sul piano economico di una riduzione dello smog a New York.

Il primo dato che salta agli occhi, sempre di carattere economico, riguarda però il luogo di nascita e di residenza dei bambini sottoposti alle maggiori dosi di inquinamento atmosferico.

 

 

Si tratta prevalentemente di piccoli di ceto sociale basso che, come tali, vivono in prevalenza nelle zone più inquinate.

Ridurre la loro esposizione allo smog favorirebbe un maggiore sviluppo del loro QI, con il risultato che le persone con prestazioni intellettive migliori avrebbero poi, considerato il sistema scolastico statunitense, maggiori possibilità di trovare lavori ben remunerati.

Una riduzione anche modesta degli idrocarburi policiclici aromatici sarebbe sufficiente, secondo la ricerca, a risolvere il problema e a permettere uno sviluppo pieno, di conseguenza più elevato di quanto non avvenga adesso, dell’intelligenza dei bambini che vivono in città.

 

Parlavamo di numeri. Secondo gli studiosi, la riduzione del 25% degli idrocarburi policiclici aromatici nell’aria respirata dai bambini permetterebbe loro di sviluppare un QI più alto di 3 punti nel volgere di 5 anni.

La cifra può apparire modesta ma, sempre secondo i ricercatori, il gruppo di bambini di New York preso in esame – 63.462 dodicenni nati da mamme con basso reddito – guadagnerebbe nel complesso, una volta raggiunta l’età adulta, 215 milioni di dollari in più ogni anno. A conti fatti, un investimento per la riduzione dello smog avrebbe ricadute, oltre che sul piano strettamente sanitario, anche sul prodotto lordo di una metropoli come New York e sulla vita degli stessi bambini oggi sottoposti a dosi elevate degli inquinanti accusati.

 

 

Fonte Bibliografica

Prenatal exposure to airborne polycyclic aromatic hydrocarbons and IQ: Estimated benefit of pollution reduction

 

 

 

 

forum approfondire segue

 

 

 

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>