Il rapporto con il cibo

arancia

Il rapporto con il cibo parla di noi.

Feuerbach disse “Noi siamo ciò che mangiamo”

partendo da questa illuminante considerazione e trasponendola nel nostro quotidiano, risulta consequenziale porre mente all’alimentazione e al ruolo del cibo.

 

In particolare, è chiaro come ques’ultimo tenda talvolta a perdere la sua portata
di base (l’apporto di nutrienti per il mantenimento e lo sviluppo biologico) per acquisire altre connotazioni.

Il cibo rivela parte di noi, sul nostro rapporto interiore e con il mondo esterno.
Parla per e tramite noi.

Fin dalla prima infanzia l’atto di nutrirsi risponde a plurime necessità : oltre a sfamare, esso innesta un dialogo tra il bambino e la madre; l’alimentazione disvela così la sua doppia funzione : quella relativà al bisogno di apporto nutrizionale e quella affettiva.

 

Nella sua (virtuosa o viziosa) circolarità, sorge quindi un rapporto diretto tra fisico e coscienza; un vero e proprio strumento di comunicazione.

Un mero esempio di ciò è ravvisabile nella cosiddetta “fame emotiva”, ossia quella che sopraggiunge in particolari stati di ansia e stress o, ancora,pensiamo all’importanza che viene riservata alla convivialità dei pasti (nella scelta del menu, nelle formalità dell’invito, etc.).

In un percorso che mira alla consapevolezza,
è innegabile il bisogno di volgersi ad una (ri)scoperta di se stessi ascoltando anche questo dialogo e rapporto duale.

 

Marika Novaresio

 

Vuoi saperne di più? Le Mammole ne discutono qui LINK

 

 

 

 

.

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>