Ti racconto il mio parto… By Samantha ✿

Mi sono informata molto sulla respirazione, il travaglio attivo, le varie posizioni e il parto in acqua che da una parte mi agitava ma tanto mi affascinava.

Ho iniziato il travaglio verso le 20, dopo cena, non avevo toccato cibo ed ero in ospedale dal giorno prima perché avendo subito un intervento per un DIA quando ero piccola per precauzione mi hanno tenuta lì.

Comunque, le contrazioni si fanno sentire e tengono sveglia anche la mia compagna di stanza, santa donna, che mi aiuta a chiamare l’ostetrica di turno quando vede che mi lamento un po’ di più, a un certo punto si è seduta li con noi a chiacchierare…

Le contrazioni vanno avanti ma mi dicono che non è ora, che sono di 2 cm, che ragiono troppo per essere in travaglio…ah si? Boh dopo un bel po’ do si stomaco, altro segnale e verso le 4 perdo il tappo… decidono (dopo il tracciato, in piedi e con le contrazioni) di provare a mettermi in vasca e vedere se mi aiutava.

Chiamano Marco a casa e gli dicono di venire che ci siamo… [SEGUE]

 

Facebook Comments

3.7K Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3.7K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap