Ti racconto il mio parto… in piedi. By Laura dalla Brianza ✿

ricovero ospedale

 

15 gennaio, la mattina mi sveglio, accompagno a scuola mio figlio Riccardo e vado a bere il caffè con la mia migliore amica.

Tra una chiacchiera e l’altra le dico: “sai, mi sento un po’ strana… niente dolori, ma strana”.
Decidiamo così di andare a trovare un’altra nostra cara amica ostetrica.

Lei mi visita, e mi dice: “sai Laura, sei dilatata di 3 cm, con calma vai a casa prendi le tue cose e vai su in ospedale!
Erano le 12.00, con molta calma chiamo mio marito e andiamo in ospedale.

Quindi monitoraggio del battito nella norma e visita con dilatazione di 4 cm, ma mi rimandano a casa!
Pomeriggio e sera passano veloci e tranquilli ma senza dolori!

Metto a letto Riccardo e decido di rimanere a dormire con lui e mi addormento! …SEGUE

 

Facebook Comments

3.8K Shares

2 thoughts on “Ti racconto il mio parto… in piedi. By Laura dalla Brianza ✿

  • 1 Marzo 2019 in 01:43
    Permalink

    Voglio raccontare il mio secondo parto che mai avrei immaginato avvenisse così… Ho partorito giorno 23 settembre 2017 alle 14.18. Ero di 39 settimane e 6 giorni. La mattina alle 5.30 iniziano i dolori sopportabili, alle 7.30 sveglio il mio compagno e chiamo in ospedale per chiedere cosa fare…loro mi dicono di andare con calma che mi avrebbero visitata. Alle 10 circa usciamo da casa per accompagnare il primo bimbo di 17 mesi dai nonni e poi avviarci in ospedale, lì mi visitano, mi fanno il tracciato e mi dicono di ritornare a casa perché c’è ancora tempo ed è inutile aspettare, mi dimettono alle 11.55. Andiamo a riprendere il bimbo dai nonni, il dolore aumenta sempre di più, torno a casa, cucino per far mangiare il piccolo ma le contrazioni non mi danno tregua, vado a fare una doccia calda così come mi hanno consigliato in ospedale. Sono stata sotto la doccia circa 20 minuti, il tempo che il mio compagno ha dato da mangiare al bambino e lo ha rivestito per riportarlo dai nonni in quanto i i miei dolori stavano aumentando. Esco dal bagno e mi rendo conto che forse non sarei mai arrivata in ospedale con la pancia, dissi al mio compagno di chiamare l’ambulanza perché stavo troppo male, ma la voglia di raggiungere il piccolo ospedale dove volevo partorire distante qualche km in più da casa ci ha fatto desistere. Prendiamo i due ascensori che ci portano nell’androne del palazzo, ne mancava solo uno per poter raggiungere la macchina che finalmente mi avrebbe portato in ospedale. L’ultimo è quello di un garage pubblico dove abbiamo l’abbonamento annuale per tenere parcheggiata la macchina tutto l’anno. Quando si aprono le porte dell’ascensore del garage mi si rompono le acque e sento la necessità di spingere. Siamo stati presi tutti dal panico… mi trovavo in un garage pubblico, un luogo sicuramente non sterile, senza professionisti, con il mio bambino di 17 mesi… Si avvicina una ragazza chiedendo se avessimo bisogno di aiuto…noi rispondemmo di sì…mi stesi a terra, subito il mio compagno sali in casa per prendere asciugamani e accappatoi e per chiamare l’ambulanza. Si avvicinò anche un ragazzo che mi tenne la testa. Lì nacque il mio Alessandro, un meraviglioso e dolcissimo bimbo di quasi 4 kg. L’ambulanza arrivò quando il parto era già avvenuto.Tutto andò bene e noi andammo in ospedale dove mi tolsero la placenta e ci visitarono. Io ho avuto al mio fianco due angeli, due persone meravigliose che hanno fatto nascere mio figlio. Sono riuscita a restare in contatto con loro. Spero faranno parte della vita di Alessandro, lo adorano e io sarò per sempre grata a loro

    Risposta
  • 12 Novembre 2018 in 10:50
    Permalink

    lunedì 2 Luglio
    il primo tracciato..
    Ci svegliamo, ci guardiamo e siamo molto emozionati ma non sapevamo ancora che quella sarebbe stata l’ultima mattina in cui ci svegliavamo in due..
    Babbo prende la valigia,così per precauzione mi dice..sistemiamo la nostra gattina e salutandola usciamo di casa..in macchina scherziamo e scommettiamo sul mio ricovero o no..
    Arriviamo in ospedale poco prima delle 10 non c’è nessuno ad aspettare, la dottoressa ci fa entrare subito a fare la visita, inizio ad essere curiosa di come sarebbe andata…ed anche un po’ agitata!
    Durante la visita sembra andare tutto bene quando invece qualche misura non torna..la dottoressa mi fa girare di lato, poi dall’altro, poi in un modo, poi nell’altro..mi rassicura che la bimba sta bene ma qualcosa non le tornava.. mi fa rivestire, prende tutti gli esami fatti fino a quel momento controlla tutto e..niente! Signora la bimba ha smesso di crescere, dobbiamo indurre il parto per arresto di crescita, se avete la valigia facciamo subito il ricovero e stasera iniziamo con la prima induzione.
    Ho cominciato a piangere, avevo paura, cosa vuol dire che la mia bambina non cresce?? Cosa succederà! nooo io ho paura dell’induzione, voglio un parto naturale, ci speravo tantissimo!
    Babbo cercava di consolarmi, mi accarezzava, sapeva quanta paura avessi, mi promise che sarebbe stato sempre lì pronto a sorreggermi..intanto prendeva i fogli e continuava a parlare con la dottoressa, venite stanza 10 letto 1.
    Eccomi sistemata a letto, ho chiamato la mamma per avvisarla ed alcune amiche che mi supportavano.
    La giornata passava, la sera si avvicinava e la mia ansia aumentava.. babbo sempre lì con una parola giusta..
    Ecco che arrivano le 23:30 l’ostetrica entra in camera chiedendomi se volessi fare pipì perché poi la dottoressa mi avrebbe indotto con gel dopodiché mi avrebbe attaccato il tracciato e se entro l’una non fosse partito il travaglio babbo sarebbe dovuto andare a casa per poi tornare la mattina. Oddio stare senza babbo per me era davvero pauroso..avevo bisogno delle sue rassicurazioni.
    Ore 00:00 tracciato..sento il tuo cuore che batte forte.. stai bene piccoletta..ce la faremo!
    Ore 01:00 zero dolori, babbo deve andare, piango, lui affranto va a casa! Lo avrei chiamato subito al primo cambiamento.
    Provo a riposarmi,chissà cosa mi accadrà da ora in poi..chissà quando e come partirà il travaglio,le contrazioni, ho paura..ma sento ancora il tuo cuore battere forte..
    Ore 3:50 mi sento bagnata, le acque, si sono rotte! Chiamo l’ostetrica, mi visita, il sacco si era rotto solo in alto, ok allora non chiamo babbo, lo lascio riposare, avrà anche lui una bella giornata da affrontare! Inizia qualche leggerissimo dolore, quasi impercettibile..respiro e passa..sono emozionata!
    Ore 6:00 Babbo mi chiama che sta arrivando. Mi sento meglio!
    Ore 6:30 mi alzo per andare in bagno e le acque si rompono del tutto..
    Oddio siamo quasi pronte piccola mia.. qualcosa dentro me sta cambiando..
    Ore 6:40 Babbo è arrivato, seconda induzione, sacco rotto, il tuo cuore ancora li pulsante come il trotto di un cavallino.. aspetto..
    Babbo mi coccola, è emozionato quanto me, pronto ad aiutarci!
    Ore 8:50 “amore questa era una contrazione forte”
    Poi la seconda, la terza.. le contrazioni hanno un’inizio e una fine, devo entrarci in sintonia! Ecco la quarta..
    “amore la sento sta arrivando!! Sventolami ho caldissimo” ecco sta finendo, adesso ho freddo..e sonno..tanto sonno..mi addormento fino alla prossima contrazione e poi caldo,freddo e sonno!
    Ore 11:00 l’ostetrica viene a controllare, le contrazioni ci sono ma non regolari secondo loro,secondo me si invece!!
    Ore 12:00 c’è qualcosa di strano, sento il bisogno di spingere, babbo chiama l’ostetrica che viene a visitarmi e la tua testolina era già li pronta per uscire!
    Andiamo a partorire!!! Mi mettono sulla sedia a rotelle per andare in sala travaglio,chiedo all’ ostetrica se il peggio fosse passato mi assicura di sì e io mi fido.
    Non ricordo il tragitto da camera alla sala travaglio, ricordo solo che pensavo
    “ci siamo! Ce la possiamo fare piccoletta! Io come tutte le donne e gli animali so partorire!
    Insieme poi siamo una forza..fra poco ci conosceremo..scopriremo di colore sono i tuoi capelli,se assomigli a me o a babbo!
    La paura mi faceva tremare come una foglia..
    Ore 12:11 entriamo in sala travaglio, mi fanno salire sul lettino,babbo sempre vicino a me che mi tiene la mano,la gamba,lo stringo forte..
    La prima spinta,la seconda,urlo,sudo,ho paura e sono emozionata! l’ostetrica e babbo mi dicono che sono bravissima io ho paura di non farcela! Chiedo aiuto!
    Poi la tua testolina si vede, l’ostetrica mi abbraccia, babbo mi guarda e mi dice “è qui! Un’ultima bella spinta e ce la fai! Mi da la forza..urlo come non avrei mai creduto di fare…
    Ore 12:36 appena 25 minuti dopo…
    Attaccata al mio seno destro una piccola di appena 2.340kg con lunghi capelli neri.
    Il dolore è passato subito..È stato un parto veloce,intenso e stupendo..che mi emoziona ad ogni ricordo e che rifarei altre mille volte!
    Grazie alla nostra stupenda ostetrica Letizia
    Grazie babbo,senza te non ce l’avrei mai fatta!
    Benvenuta nella nostra favola piccola Elettra Bianca..

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3.8K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap