Ti racconto il mio parto… By Federica ✿

nascita-ospedale

Mi chiamo Federica e vi racconto la nascita di nostro figlio Riccardo.
Sono alla 41+3 e Richi ancora non si palesa, così arrivo in ospedale per l’induzione programmata.

Iniziano dal mattino la somministrazione di prostaglandine ma a mezzanotte ancora nessuna novità importante. Il mio compagno va a casa e anche io mi addormento serena. Il mattino successivo ricomincia la seconda somministrazione e sin da subito capisco che il momento sta arrivando, le contrazioni iniziano a farsi sentire!

Le sento come un’onda che arriva e mi travolge per poi attenuarsi. Chiamo in fretta e furia il mio compagno, ho bisogno del suo sostegno, adesso, subito! Ho la sensazione di perdere il controllo e allo stesso tempo ho voglia di immergermi in me stessa, dove sento catapultati tutti i miei sensi. Non mi importa delle altre persone, urlo, la mia pancia urla, la sensazione che sento è fortissima, indomabile.

Non voglio chiamarla dolore o male perché non la avverto come negativa.
Piuttosto un ordine, una direttiva del corpo che mi guidava esattamente nei movimenti e nelle posture.
Se sbagliavo di pochi millimetri il dolore compariva ed immediatamente capivo quale posizione dovevo adottare.

Quando azzeccavo la giusta postura il dolore spariva… SEGUE

 

 

Facebook Comments

1.1K Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1.1K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap