I preparativi del Natale

natale

 

Ecco ci siamo, inizia lo stress pre-natalizio. I regali, il pranzo, le decorazioni, l’albero, il presepe.

Una mia amica a metà novembre aveva già fatto tutto: “Così mi sono tolta il pensiero e anche quest’anno è fatta!”. Mi ha detto orgogliosa.

Tutto quello che ci impegna per più di cinque minuti è diventato un fastidio. Dobbiamo fare tutto velocemente, non c’è tempo, ma dobbiamo arrivare a far tutto ugualmente. E allora “facciamo”, senza sapere bene perché.

No. Quest’anno proprio non posso farcela ad arrivare così al Natale, e i bambini poi, cosa raccolgono da questo nostro vivere compulsivo?

 

Ho deciso: questo Natale invece di aggiungere, tolgo.

Tolgo l’inutile che distrae, per arrivare al cuore delle cose.

Questa “purificazione” passa anche dalle cose materiali intorno a noi e così questi compiti li possiamo svolgere con una consapevolezza nuova.

 

Presepe, albero e decorazioni.

Mica bisogna farli così per fare. Qual è il senso del preparare la casa a festa, dell’addobbare un albero e nel rappresentare un avvenimento? Come far arrivare ai bambini il senso di questi gesti?
Noi abbiamo fatto così:

 

Il presepe cominciamo ad allestirlo nella prima settimana d’Avvento, con due teli rosso e blu, sassi e minerali per preparare la strada verso la capanna e una spirale d’Avvento con 24 candeline da accendere ogni sera progressivamente fino a Natale.

Ogni settimana aggiungiamo: piante, muschio, rametti, pigne per il mondo vegetale, animali e infine i personaggi.

 

Per l’albero abbiamo adottato un sistema simile, lo vestiamo a festa lentamente, giorno dopo giorno; arriverà così al suo massimo splendore, proprio la notte di Natale con le luci finalmente accese.
E i bambini attendono in un’atmosfera raccolta, perché è l’anima la prima a doversi preparare a questa grande festa.

 

Regali

Perché si fanno i regali a Natale? E’ proprio necessario?

Un piccolo dono va’ fatto, con il significato di portare all’altro la nostra felicità. Il senso è chiamarlo Dono, non regalo.

Fate trovare ai bimbi sotto l’albero il solo, unico, vero Dono di Natale, quel gioco che si fa attendere, ma che sa poi meravigliare e generare gratitudine in chi lo riceve.

 

Gli altri (tanti!) regali, sono quelli che con gioia donano i nonni, gli zii e tutti gli altri parenti.
Ecco perché preferisco regalare cose semplici, fatte da noi con l’aiuto dei bambini, oppure comprate da piccoli fornitori locali.
Vi sembra di non aver tempo? Non è vero. Bastano uno o due pomeriggi a casa con i bambini, invece di stressarsi alla ricerca del regalo perfetto, in giro per supermercati colmi di gente isterica e code interminabili alla cassa.

 

Vi auguro dunque, di riuscire ad attendere questo Natale con gioia e speranza, di viverlo con meraviglia e di essere grati per tutto quello che ci porterà.

 

Mammamichi

Vuoi saperne di più? Le Mammole ne discutono qui LINK

 

 

Facebook Comments

0 Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap