La capacità di rispondere al pianto del proprio bambino ✿

pianto del bambino

Il pianto del bambino contribuisce a costruire il legame tra madre e figlio, aiutando il bambino a maturare un corretto sviluppo emotivo.

 

Ma tutte la madri rispondono al pianto alla stessa maniera?

Secondo un recente studio diffuso dal Child Development – autorevole rivista scientifica del settore – sembra che vi sia un relazione tra le capacità della madre di rispondere al pianto del bambino e le sue esperienze infantili.

I dati raccolti, infatti, rivelano che le madri che hanno avuto un’infanzia costellata di esperienze positive riescono a rispondere con maggiore serenità e naturalezza al pianto del bambino.

Lo studio, svolto da ricercatori delle Università del North Carolina e di Gerusalemme, è stato condotto su un campione di 259 madri alla prima gravidanza, appartenenti a diverse realtà economiche e sociali.

 

 

Le donne, esposte all’ascolto del pianto di alcuni neonati, hanno manifestato diverse reazioni fisiologiche all’esperienza.

Dall’analisi di dati come l’aumento della sudorazione o la frequenza cardiaca, il team di ricercatori ha rilevato la maggiore insorgenza di reazioni di ansia o chiusura in quelle madri che avevano vissuto – e mai risolto – esperienze negative durante l’infanzia.

In particolare, le donne che avevano sperimentato episodi di depressione o problematiche legate alla sfera emotiva, hanno mostrato maggiori difficoltà a interpretare il pianto del bambino come la sincera manifestazione di un bisogno, risultando meno empatiche o disposte a prendersi cura del neonato.

 

La capacità di reagire positivamente ai vagiti, intervenendo per provvedere alle necessità del piccolo, non è sempre una reazione istintiva, ma sarebbe quindi profondamente legata ai trascorsi infantili della madre.

Prendersi cura del bambino quando piange non è solo una necessità pratica, ma anche una tappa fondamentale per la maturazione del suo equilibrio psicofisico ed emotivo.

 

Per questo, la ricerca apre le porte a interessanti panorami di intervento a sostegno di quelle madri che vivono questo naturale compito come una fonte di ansia e frustrazione.

Come spiegano gli stessi coordinatori della ricerca, per alcune donne potrebbe essere necessario un aiuto per interpretare i vagiti come una forma di comunicazione del bambino.

Questi interventi, insomma, potrebbero mirare ad aiutare le madri nella gestione dell’ansia, per rispondere con le proprie cure alle necessità – anche emotive – del figlio espresse attraverso il pianto.

 

 

 

Fonti Bibliografiche

– Mothers’ responses to babies’ crying

– Antecedents of Maternal Sensitivity During Distressing Tasks 

 

 

banner-altri-articoli-approfondimenti

 

forum approfondire segue

 

 

 

Facebook Comments

0 Shares

One thought on “La capacità di rispondere al pianto del proprio bambino ✿

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap