Obesità infantile: è allarme

obesitvDal congresso “Science in Nutrition”, sono emersi dati allarmanti sull’obesità infantile.
L’Italia è il paese europeo con il più alto tasso di obesità infantile, con punte del 40% nel Sud del paese, cifre che devono metterci in guardia.

 

I maggiori fattori di rischio
L’obesità infantile dipende da vari fattori, tra loro strettamente interconnessi, tra cui ricordiamo, a titolo di esempio, una alimentazione errata, uno stile di vita eccessivamente sedentario e in alcuni casi origini genetiche.
Un bambino che mangia troppo o male in molti casi desta poche preoccupazioni nei genitori, preoccupati maggiormente dei figli che mangiano poco.
Un’alimentazione eccessiva o sbagliata conduce al sovrappeso e successivamente all’obesità del minore.
Sempre più minori non svolgono un’adeguata attività fisica, necessaria per smaltire i grassi in eccesso.
Fondamentale, in presenza dei due fattori di rischio sovraelencati, l’azione dei genitori volta a correggere i comportamenti sbagliati.
In molti casi, però, i genitori sono direttamente responsabili, non offrendo un buon esempio negli stili alimentari, o accompagnando i figli ovunque con l’auto. Molti bambini preferiscono all’attività fisica in palestra o all’aria aperta la televisione, le consolle per videogiochi e il computer.
In alcuni casi i fattori genetici favoriscono l’insorgere dell’obesità nei minori.
In base ad una indagine realizzata dall’ISTAT (Istituto nazionale di Statistica) la presenza in famiglia di un genitore obeso (o di entrambi i genitori obesi) aumenta in maniera significativa la possibilità che i figli, a loro volta, diventino obesi.

 

L’importanza della prevenzione
L’obesità può provocare disagi psicologici e i soggetti colpiti sono spesso oggetto di discriminazione, ma i problemi fisici legati alla patologia sono altrettanto gravi: le maggiori probabilità di incorrere in problemi cardiovascolari, diabete mellito e cancro riducono l’aspettativa di vita delle persone obese.
Nel contrastare la malattia è di fondamentale importanza la prevenzione, poiché è molto probabile che un bambino obeso diventi un adulto obeso.
Fondamentale nella prevenzione è il ruolo dei genitori, deputati a insegnare ai figli corretti stili di vita, ma il ruolo dei docenti e delle istituzioni non può passare in secondo piano.
I genitori devono insegnare ai figli, ad esempio, alcune semplici norme alimentari da rispettare, come il consumo della prima colazione, di pasti frequenti (con porzioni ridotte), di prodotti quali frutta, verdura, ortaggi e legumi.

 

Fonti e approfondimenti

Sovrappeso e obesità nel bambino da 0 a 6 anni

 

 

forum approfondire segue

Facebook Comments

729 Shares

One thought on “Obesità infantile: è allarme

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

729 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap