Allattare è un diritto. Ecco le linee guida ✿

allatta2

Nonostante sia universalmente riconosciuta dalla comunità scientifica, medica e pediatrica la sua  importanza, in Italia l’allattamento al seno non è sufficientemente promosso.
A rivelarlo è il risultato di una ricerca promossa dal Tavolo Tecnico Operativo Interdisciplinare sulla Promozione dell’Allattamento al Seno, sotto la direzione dello stesso Ministero della Salute.

Se il 90% delle donne allatta al seno nei primi giorni di vita del bimbo (e quindi quando si trova ancora presso la struttura ospedaliera), dopo la dimissione solo il 77% delle donne continua a farlo e ai sei mesi di vita del bimbo solo il 10% delle madri allatta ancora.
A sentire il peso della mancanza di assistenza sanitaria e di formazione in proposito dell’importanza dell’allattamento al seno sono soprattutto donne che incontrino barriere di tipo sociale, culturale, etnico o addirittura economico.
Proprio allo scopo di sensibilizzare le donne (e non solo) sull’importanza del fenomeno dell’allattamento al seno nelle prime fasi della vita del bambino, i maggiori organi nazionali che si occupano di alimentazione nell’infanzia hanno promosso una campagna d’informazione in materia.

Il Dottor Riccardo Davanzo, Neonatologo dell’Istituto per l’Infanzia della città di Trieste, ha illustrato le Linee Guida per l’allattamento contenute in un documento ministeriale e che fanno chiarezza sul Diritto all’allattamento per le donne.
Il primo passo dello studio mira a mettere in evidenza l’importanza del consumo di latte materno da parte del bambino che, tranne in caso di patologie materne che possano essere trasmesse, è sempre da preferire al latte artificiale.

 

 

 

Facebook Comments

1.1K Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1.1K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap