Movimenti fetali: il primo contatto con il tuo bambino ✿

corso preparto2

 

La prima volta che la mamma percepisce il suo piccolo muoversi dentro di sé, prova sicuramente un brivido di emozione.

È una sensazione unica e indescrivibile di puro e incondizionato amore.
I movimenti fetali si possono vedere sin dalla prima ecografia (7-8 settimane); i piccoli si muovono e letteralmente nuotano dentro la pancia.

Ovviamente per le mamme a questa epoca è praticamente impossibile accorgersene, spesso a fare le spese di queste “nuotate” intrauterine
sono gli operatori che si trovano ad effettuare un esame ecografico… Prendere una misura può risultare più difficile e lungo del previsto! Quindi spesso i genitori devono armarsi di pazienza…

 

E’ solo attorno alla 20a settimana che finalmente la mamma, e anche il papà, possono avere il primo contatto più reale con il loro bambino.
Inizialmente i movimenti sono piccoli, non perché il feto si muova poco, anzi! ma semplicemente perché ha ancora molto spazio in cui giocare, fare capriole e nuotare.

Man mano che cresce invece i movimenti vengono avvertiti più francamente e possono risultare anche fastidiosi, poiché le estremità fetali vanno a premere in determinati punti.

Ovviamente verso il terzo trimestre, i movimenti non solo vengono avvertiti dalla mamma, ma si possono anche vedere sul pancione che si muove e ondeggia.

 

I movimenti fetali vengono classificati in:
– movimenti respiratori,
– movimenti corporei,
– tono fetale (estensione-flessione degli arti o della testa),
– movimenti oculari.

 

Questi sono percepibili all’esame ecografico e contribuiscono a valutare il benessere fetale e lo stato di maturazione che il feto ha raggiunto.
Il conteggio dei movimenti attivi fetali (MAF) è diretto e può avvenire senza l’uso di apparecchiature particolari. A partire dalla 28a-30a settimana si possono monitorare facilmente e quindi sono un ottimo metodo per risolvere in tempo situazioni potenzialmente pericolose per il feto.

 

Attorno alla 30a-32a sono circa 90 movimenti in 12 ore, mentre calano a 40 a termine (40ma-41ma settimana).
Un metodo valido per valutare i MAF è di contare la mattina, annotandosi l’orario in cui si inizia (le 09.00 ad esempio), i primi 10 movimenti. Percepito il decimo la mamma dovrà segnarsi l’ora nuovamente.

Se vengono contati meno di 10 movimenti in 12 ore è bene recarsi al pronto soccorso ostetrico e sottoporsi ad un controllo cardiotocografico.

Va detto che anche i piccoli nel pancione hanno dei momenti di quiete, o sonno fetale, che solitamente durano 20 a 40 minuti. Quindi per il monitoraggio può essere utile individuare il momento della giornata in cui il vostro piccolo è più attivo.

Inoltre, il feto risponde delle attività e degli stimoli materni, e spesso è sufficiente bere una bevanda calda o mangiare qualcosa contenente zuccheri per avere una risposta immediata.

 

In conclusione i movimenti del vostro bambino, oltre ad essere un bellissimo contatto con lui, possono essere anche predittivi di situazioni potenzialmente dannose.
E’ bene conoscerli e saperli controllare con competenza, chiedendo magari aiuto alla vostra ostetrica di fiducia, così da evitare di incorrere in ansie eccessive e inutili allarmismi, però avendo la capacità di riconoscere la situazione realmente pericolosa.

 

 

Ostetrica Alma Paolini

 

 

Riferimento bibliografico:

Fetal biophysical profile. Obstet. Gynecol. Clin. North Amer., 26, 557, 1999 Manning F.A.

 

 

 

forum approfondire segue

 

 

 

 

 

Facebook Comments

535 Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

535 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap