Poco iodio in gravidanza e rischio di ritardo mentale nel feto ✿

L’apporto inadeguato di iodio in gravidanza e il rischio di ritardo mentale nel nascituro sembra essere un dato appurato, imponendo la necessità di assimilazione delle necessarie quantità di questo elemento.

L’allarme in merito è stato lanciato da una fonte più che autorevole: l’American Academy of Pediatrics, che ha pubblicato sulla prestigiosa rivista Pediatrics un invito a integrare con iodio l’alimentazione delle donne in attesa.
La carenza di iodio in gravidanza, può ostacolare il corretto sviluppo cerebrale del feto ed espone il bambino a una maggiore vulnerabilità ad alcuni inquinanti presenti nell’atmosfera.

Lo iodio, inoltre, come dimostrato da Rogan del National Institute of Environmental Health Sciences in North Carolina, è un elemento indispensabile per una adeguata produzione degli ormoni tiroidei, che in carenza, determina il quadro di ipotiroidismo.

I neonati che non vengono trattati per risolvere questa patologia possono sviluppare un grave ritardo nello sviluppo cognitivo e manifestando anche danni cerebrali permanenti.
Stando a quanto affermato dal ricercatore, l’integrazione giornaliera di iodio durante la gravidanza dovrebbe oscillare tra i 290 e i 1110 mg.

Per scongiurare i possibili rischi di un apporto inadeguato… [SEGUE]

 

Facebook Comments

2.6K Shares

One thought on “Poco iodio in gravidanza e rischio di ritardo mentale nel feto ✿

  • 25 Aprile 2020 in 10:58
    Permalink

    Salve sono alla 15 settimana di gravidanza ed ho ipotiroidismo valore tsh 5.82 e t4 0.82 t3 3.71 sto prendendo eutirox da 50 lunedì al venerdì e 75 sabato e domenica.. Cosa posso fare per integrare iodio… O migliorare la situazione? Inoltre con questi valori ci sono problemi per il bambino?

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2.6K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap