I bambini e la febbre ✿

Naturalmente la dottoressa specifica che ci sono casi in cui è necessario prendere altre strade, come farmaci o rimedi naturali.
Il livello classico, imposto come “limite” e che spesso diventa un campanello d’allarme, è il 37° C misurati sulla pelle.

Ma la febbre diventa pericolosa solo quando supera i 39,5°C oppure quando si accompagna ad uno stato di prostrazione e di difficoltà del soggetto (le scariche da gastroenterite ad esempio, pregiudicano l’omeostasi del corpo).

L’abbassamento artificiale della temperatura corporea, può addirittura prolungare la malattia inibendo il processo fisiologico di cura del corpo.
La paura delle mamme è legata alla possibilità delle convulsioni che effettivamente esistono, spiega la dottoressa, ma fortunatamente colpiscono solo il 4% dei bambini fra 6 mesi e 6 anni.

In generale il consiglio è quello di coprire il malato nel momento di brividi, mentre farlo respirare, magari proteggendolo solo con una coperta leggera, mentre sta sudando.
Proprio perché il malato tenderà a sudare, è importante proporgli spesso qualcosa da bere per evitare la disidratazione, soprattutto quando si tratta di bambini.

Dopo aver letto i fogli da cui ho imparato tutto ciò, ho guardato il termometro appena tolto dalla pelle della mia pupa e, invece di correre all’armadietto delle medicine, le ho preparato una buona tisana…

 

Nicla

Facebook Comments

2.4K Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2.4K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap