GAS, gruppi acquisto solidale ✿

verdure

 

Il cambiamento delle QUATTRO ERRE “Ridurre, Riusare, Riciclare, Risparmiare”.

 

Inizio parlandovi del primo passo che ho fatto.
Prima di tutto mi sono iscritta ad un GAS (Gruppo di Acquisto Solidale) facendo la conoscenza con persone veramente magnifiche dalle quali ho, e tuttora, imparo tantissimo.
Qui nella mia città ce ne sono solo 4 ma esiste un sito dove si può trovare il GAS più vicino http://www.retegas.org/
Il GAS è formato da diverse persone (famiglie e singoli) che si uniscono per acquistare direttamente dal produttore (generalmente un piccolo produttore di zona) generi alimentari e non.

 

Il principio base del GAS è la “solidarietà” tra le famiglie e il produttore.
Il gruppo di famiglie in questione essendo molto sensibile a temi di ecologia e ambiente decide appunto di contattare il produttore locale cercando di capire il suo grado di sensibilità a questi temi. In genere si scelgono piccoli produttori locali ma ovviamente si può andare anche oltre.
Noi ad esempio tramite il nostro produttore principale di frutta e verdura, che si trova a pochi chilometri dalla città, abbiamo acquistato arance dalla Sicilia.

 

Quando abbiamo deciso di acquistarle abbiamo approfondito la conoscenza del produttore di arance cercando di capire se oltre a produrre arance bio non sfruttasse il lavoro di immigrati irregolari e sottopagati. Questo è il principio della solidarietà. E questo ho imparato associandomi al GAS.
Ho anche imparato ad adeguarmi alla cassetta di verdura (cassetta a sorpresa) che arriva ogni settimana con frutta e verdura di stagione.
È importante acquistare verdura e frutta locali e di stagione prima di tutto perché si contribuisce a non inquinare tramite il trasporto (ad esempio) di insalata dalla Spagna e secondo perché la verdura di stagione è più sana.

 

All’inizio mi sono trovata spaesata, sapete ero abituata ad andare all’ipermercato al sabato mattina, a comprare zucchine a dicembre, anche se non sapevano di nulla, ma con il tempo mi sono abituata e ora non riuscirei più a tornare indietro.
Al sabato mattina vado nel luogo di distribuzione del GAS, ritiro la mia cassetta a sorpresa e in base alla frutta e alla verdura che trovo organizzo le ricette.

 

Mangiamo subito le verdure a foglia, più facilmente deperibili mentre le altre le cucino.
Quest’anno ad esempio invece che fare il solito regalo inutile alle mie amiche ho regalato prodotti del GAS: ho comprato una bella sportina di carta … riciclata ovviamente dove dentro ho messo Riso biologico, tisane prodotte da una Associazione locale, clementine Bio e un sapone fabbricato con criteri biologici.

 

Miss Potter

 

 

forum approfondire segue

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>