Obesità e diabete iniziano nel pancione ✿

Tra gli studi più interessanti riguardanti tale rapporto è d’obbligo citare il dottor Robert Sapolski neurobiologo e ricercatore presso la Stanford University, il quale, analizzando gli effetti che lo stress della futura mamma aveva sul feto, ha contribuito indirettamente a confermare che tra feto e mamma si instaura una comunicazione ininterrotta cui partecipano attivamente sia alcuni ormoni (tiroidei, glucocorticoidi, insulina, GH, ecc.) sia svariate sostanze nutritive (per esempio proteine/aminoacidi essenziali, lipidi, oligoelementi, ecc., il cui apporto varia molto nel corso dei dove mesi.

Uno studio del 1999 il “Dutch Famine Study”, aveva inoltre dimostrato come i bambini nati in tempi di carestia – ovvero quando la dieta alimentare si componeva di un apporto proteico inferiore all’8% delle calorie totali ingerite – da adulti tendevano quasi sempre all’obesità o ad altre malattie metaboliche che non di rado si trasmettevano di generazione in generazione, indipendentemente dall’alimentazione degli eredi.
Si può dunque parlare di una vera e propria “programmazione metabolica” del feto, il quale, quando è ancora nell’utero, apprende informazioni importanti su quello che avverrà fuori, cominciando così a regolarsi di conseguenza, ovvero ad auto-programmarsi.

 

Fonte Scientifica Primaria

Maternal nutritional manipulations program adipose tissue dysfunction in offspring

Diritto d’autore: gajus / 123RF Archivio Fotografico

Facebook Comments

2.3K Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2.3K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap