L’esposizione notturna alla luce delle apparecchiature ✿

luci blu
Secondo un articolo pubblicato dalla rivista Harvard Health Letter l’esposizione notturna alla luce prodotta dalle apparecchiature elettriche avrebbe degli effetti deleteri sulla nostra salute.

 

La luce blu emessa dai led e dai dispositivi elettronici sarebbe secondo gli studiosi la più pericolosa.
La luce artificiale è un’innovazione che ha migliorato notevolmente la nostra qualità di vita, ma ha anche alterato il nostro orologio biologico.
L’organismo umano regola i suoi cicli fisiologici sul ritmo circadiano, conformandosi alla regolare alternanza di ore di luce ed ore di oscurità che si verifica nel giorno solare. È stato dimostrato come le alterazioni di questo ritmo possano causare alterazioni del sonno, ma anche l’aumento di incidenza di molte patologie (depressione, diabete, obesità, cardiopatia e tumori).

 

Uno studio dei ricercatori della American Academy of Sleep Medicine ha osservato come la maggiore esposizione alla luce naturale (luce bianca) rispetto alla luce artificiale (a maggior contenuto di luce blu) durante le ore di lavoro in ufficio avesse effetti positivi sulla qualità e durata del sonno e sulla qualità di vita degli impiegati, sia a livello fisico che psicologico. Questo a causa della minor riduzione dei livelli di melatonina nel sangue.

 

La melatonina è una sostanza prodotta dall’epifisi e da altri vari organi ed ha il compito di regolare l’attività dell’ipofisi, il centro nervoso deputato al controllo del nostro sistema endocrino e del nostro metabolismo (fame, sonno, regolazione della glicemia).Non è ancora ben chiaro invece come l’esposizione ad un maggior numero di ore di luce blu possa causare vere e proprie patologie. Si sospetta anche in questo caso un ruolo della melatonina.

 

L’aumentata esposizione ad ogni tipo di luce è in grado di causare la riduzione delle concentrazioni di questo regolatore nel sangue, ma sperimentalmente è la luce blu a causare l’effetto maggiore (circa due volte rispetto agli altri tipi di luce). Anche fonti luminose deboli possono causare questo abbassamento.

 

Ecco perché i ricercatori guardano con preoccupazione alla luce delle spie elettroniche. La luce delle moderne fonti luminose (lampade fluorescenti e led) ha una maggiore efficienza energetica, ma tende a produrre una maggior quantità di luce blu.
I ricercatori propongono una serie di possibili soluzioni al problema.

 

Preferire l’utilizzo di luci rosse per spie e luci notturne.
La luce rossa infatti è quella che ha meno effetto inibitorio sulla secrezione di melatonina.
Evitare di fissare schermi luminosi nelle 2 ore precedenti al sonno esponendosi al maggior numero possibile di ore di luce solare durante il giorno.
E’ utile anche l’impostazione sullo smartphone del filtro luce blu (presente nei nuovi device)

 

 

Fonti Bibliografiche

– Blue light has a dark side – Exposure to blue light at night, emitted by electronics and energy-efficient lightbulbs, harmful to your health.

– Study links workplace daylight exposure to sleep, activity and quality of life

– Evening blue light exposure linked to increased hunger

 

 

 

forum approfondire segue

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>