Cosa rientra sotto la categoria delle “allergie”?

 

In primavera e estate la natura si risveglia, ma con essa si risveglia anche la sintomatologia di tante persone che soffrono di allergia da inalanti, come i pollini. Esistono inoltre alimenti, definiti cross-reattivi, che, quando ingeriti, possono amplificarne la reazione.

L’allergia è una risposta immunitaria, di tipo prevalentemente anticorpale, caratterizzata da una rapida comparsa (entro qualche ora, ma a volte anche solo pochi minuti) di sintomatologie acute come disturbi respiratori (ad esempio asma o rinite), sindrome orale allergica, orticaria e angioedema, disturbi gastrointestinali, fino ad arrivare allo shock anafilattico se non si interviene farmacologicamente.
L’allergene, cioè la sostanza che ha stimolato la reazione è una proteina (es. caseine del latte).

Altri disturbi al di fuori delle allergie
Diversamente ci sono persone che tutto l’anno soffrono di continui disturbi imputabili o meno ad una stimolazione del sistema immunitario, meglio nota come infiammazione sub-clinica, che porta conseguentemente a disturbi gastro intestinali, senso di gonfiore, mal digestione, fino a patologie conclamate come gastriti, sindrome intestinali, cefalee frequenti.

Questa condizione spesso diviene il punto di appiglio di aziende e ‘professionisti della salute’ che propongono test di intolleranza, non scientificamente validati ai fini diagnostici. I test validati, sono stati pubblicati dal Ministero della Salute in un testo intitolato ‘Allergie alimentari e sicurezza del consumatore’.

Lo scenario delle intolleranze… [SEGUE]

 

Facebook Comments

0 Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap