ovulazione

La cervice dell’utero è la porzione più bassa dell’organo riproduttivo, quella che comunica con la vagina.
Il collo mette in comunicazione l’utero e la vagina attraverso un orefizio, permettendo la risalita degli spermatozoi, l’uscita del flusso mestruale e del neonato e annessi durante il parto.

Durante il ciclo, la consistenza e la posizione della cervice cambiano e il rilevamento di tali modificazioni permette di definire la fase del ciclo femminile in cui ci si trova.
I mutamenti ormonali che avvengono nel corso del ciclo mestruale influenzano non sono la temperatura basale e la produzione di muco cervicale, ma anche la posizione della cervice.
Capire questi mutamenti permette di avere uno strumento in più per individuare con precisione i giorni fertili.

Nei giorni di non fertilità la cervice si comporta come un muro e l’orifizio è chiuso da un tappo mucoso denso e acido che impedisce il passaggio degli spermatozoi, ma anche di batteri e virus proteggendo il sistema riproduttivo femminile da eventuali infezioni.

Infatti, nella fase pre e post ovulatoria, la cervice risulta piuttosto solida e liscia e la sua posizione rispetto alla vagina è bassa.
Nei giorni fertili invece la cervice permette e favorisce il passaggio degli spermatozoi  verso l’utero e quindi verso  le tube di Falloppio dove possono incontrare l’ovocita emesso con l’ovulazione.

Durante l’ovulazione la cervice produce una maggiore… [SEGUE] 

 

Facebook Comments

1.6K Shares
1.6K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap