Contraccezione dopo il parto, il metodo migliore? ✿

donna

È di uso comune pensare di non poter rimanere incinta quando si allatta al seno proprio figlio.
Nella mia esperienza ho incontrato alcune donne in attesa, a pochi mesi dalla nascita di un neonato, che si pentivano di non aver usato un metodo contraccettivo diverso dall’allattamento al seno.
In realtà quello che le donne non sapevano è che, per avere un’ottima efficacia, il metodo che sfrutta l’allattamento al seno, ovvero il LAM (Lactational Amenorrea Method) deve rispettare alcune condizioni:

  • La donna deve essere amenorroica, ovvero non deve aver avuto alcuna mestruazione dal momento del parto.
    Con il termine di mestruazione si intende perdite di sangue abbondanti come o più di una normale mestruazione per almeno due giorni consecutivi, perdite scarse di sangue con muco per almeno due giorni consecutivi e perdite normali per un giorno, perdite di sangue con muco per almeno tre giorni.
  • L’allattamento deve essere esclusivo, cioè al neonato non deve essere data alcuna aggiunta oltre al latte materno, oppure quasi esclusivo, quando sono introdotte vitamine, sali minerali, acqua e succhi di frutta per meno del 15% dell’alimentazione totale.
    Il numero delle poppate deve essere almeno di 6 al giorno, ogni 4 ore nelle poppate diurne e ogni 6 ore in quelle notturne.
  • Il bambino non deve aver superato i 6 mesi di vita completi, in quanto dopo tale periodo è più probabile la ripresa dell’ovulazione.

Tale metodo, rispettato costantemente e correttamente, ha un’efficacia compresa tra il 98 e il 99,5%.
Una sola eccezione tra questi criteri… SEGUE

 

Facebook Comments

2.1K Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2.1K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap