Il chewing gum e la prevenzione della carie ✿

igiene bocca

Secondo uno recente studio pubblicato dall’Università di Groningen sulla rivista scientifica elettronica PLOS ONE, masticare regolarmente chewing gum senza zucchero per 10 minuti al giorno rappresenta un efficace mezzo di prevenzione contro la carie dentaria.

 

Nello studio sono stati esaminati piccoli gruppi di bambini, ai quali è stato chiesto di masticare per diversi periodi di tempo dei chewing gum senza zucchero.
I ricercatori sono partiti dall’ipotesi che le gomme da masticare, grazie al loro potere adesivo, fossero in grado di intrappolare parte dei batteri presenti nella cavità orale, abbassando così la carica microbica in grado di causare patologie dentarie.
Sono state quindi esaminate le composizioni delle singole gomme dopo i vari periodi di masticazione.

 

 

Il numero di batteri presenti sui chewing-gum è stato quantificato attraverso due diversi sistemi di misurazione: la conta di colture batteriche generate dalla semina su terreno di coltura del materiale masticato e la tecnica della Polymerase Chain Reation (PCR), che ha quantificato invece direttamente il materiale genetico batterico presente sulle gomme.

 

Si è così visto che dopo 10 minuti di masticazione i chewing gum sono stati in grado di intrappolare fino a 100.000.000 di batteri, riducendo del 10% la carica microbica della saliva dei bambini partecipanti allo studio.
Il maggior numero di batteri catturati è stato riscontrato nei primi trenta secondi di masticazione della gomma, a causa della suo maggiore potere adesivo.
L’effetto “carta moschicida” è invece diminuito con il passare del tempo fino ad esaurirsi alla soglia dei 10 minuti. Oltre questo lasso di tempo il chewing gum ha iniziato a liberare i batteri intrappolati rendendo nulla la sua azione di prevenzione.

L’efficacia dell’utilizzo di questo tipo di prodotto nella prevenzione della carie dentaria era già stato esaminato da uno studio italiano condotto dalle Università di Milano e di Sassari. In questo caso era stata testata l’efficacia di gomme da masticare contenenti xilitolo. Questo è un edulcorante vegetale non metabolizzabile dai batteri della flora orale, utilizzabile al posto dello zucchero. Lo xilitolo è anche in grado di contrastare in parte lo sviluppo dei batteri presenti nel cavo orale.

 

Anche questo studio ha preso in considerazione i bambini.
I soggetti sono stati divisi in due gruppi. Una parte è stata sottoposta ad un periodo di masticazione regolare di chewing gum senza zucchero contenenti xilitolo della durata di sei mesi (fino alla assunzione giornaliera di circa 11 grammi della molecola) . L’altro gruppo ha invece utilizzato gomme senza zucchero prive di xilitolo. Al termine del periodo di prova i bambini del primo gruppo hanno evidenziato una riduzione della flora microbica orale rispetto a quelli del secondo. I bambini dello stesso gruppo hanno inoltre mostrato una significativa riduzione nello sviluppo di nuove carie rispetto al gruppo di controllo dopo una valutazione successiva a distanza di ben due anni dall’esperimento.

 

Entrambi gli studi dimostrano quindi che il chewing gum può davvero essere un importante alleato nella prevenzione della carie nei bambini.

 

 

Fonti Bibliografiche:

– Six months of high-dose xylitol in high-risk caries subjects–a 2-year randomised, clinical trial.

– Quantification and Qualification of Bacteria Trapped in Chewed Gum

 

 

 

 

forum approfondire segue

 

 

 

 

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>