Carriera o famiglia: le rinunce delle Mamme ✿

camminare

 

Non è semplice comprendere in quale direzione stia procedendo il cammino dell’emancipazione e dell’auto-realizzazione per una donna e mamma.

Che cosa fa sentire realmente soddisfatta una donna: ottenere buoni risultati sul lavoro oppure una vita familiare e affettiva piena e appagante?
Molte mamme lettrici prenderanno posizione sull’uno o sull’altro versante, quando non si sentiranno in bilico e combattute nella difficile conciliazione tra famiglia e carriera.

Stiamo parlando di un dilemma che spesso si concretizza in una serie di scelte,  che portano a privilegiare quando un aspetto, quando l’altro, comportando di conseguenza delle rinunce.

Certo è che, nella nostra società, il lavoro riveste un ruolo di primaria importanza, tanto da non limitarsi al soddisfacimento dei bisogni primari… sappiamo bene infatti che il lavoro, per ciascuno di noi, significa molto di più in termini di indipendenza, status sociale, valorizzazioni dei talenti individuali, etc.

E allora soffermiamoci un momento nella  dimensione del lavoro al femminile, per scoprire che il raggiungimento di pari diritti  tra uomo e donna sembra  essere  un cammino ancora lungo e non privo di difficoltà.

Stando a quanto emerge da recenti dati Istat, infatti, sono ben dieci milioni le donne che… [SEGUE]

 

Facebook Comments

1.8K Shares

6 thoughts on “Carriera o famiglia: le rinunce delle Mamme ✿

  • 27 Gennaio 2019 in 10:02
    Permalink

    Salve, ho un bimbo di 2 anni, un compagno di 37 e una casa da acquistare nei prossimi mesi, perché stanchi dell’affitto.

    Ho 32 anni e ho sempre tenuto moltissimo alla mia indipendenza, anche in maniera egoistica alle volte.Da quando è arrivato il mio piccolo sono però molto cambiata e ho vissuto col senso di colpa I miei pensieri di libertà.

    Oggi sono arrivata a un punto cruciale: dover scegliere tra carriera e famiglia. Il mio lavoro mi porta fuori per lunghi periodi e fino a quando non pensavo di acquistare casa, nonostante la famiglia, mi sentivo libera di potermi muovere. L’acquisto della casa è assolutamente irrimandabile, ma sento dentro di me che questo passo, più dell’arrivo di mio figlio, cambierà la mia vita e le mie scelte future…non ho voglia di rinunciare alla possibilità di vivere altrove se altre occasioni di lavoro busseranno, come so, alla mia porta. Vivo con il senso di colpa verso me se rinuncio ai miei progetti personali, verso i miei cari se rinuncio alla stabilità almeno fisica in un luogo fisico per metter radici.
    Molto probabilmente sveglierò di acquistare casa, pensando a chi ne vorrebbe una e non ce l’ha,. Acquisterò casa è mi reinventero come donna, come mamma, come compagna…

    Voi cosa pensate?

    Risposta
  • 12 Gennaio 2019 in 11:39
    Permalink

    Io ho scelto una via di mezzo. Insegno a scuola e sono felice così. Ho 2 figli, Francesco di 8 anni e Edoardo di 6 mesi. Certo, c’è chi ha ambizioni più alte, io sto bene nel mio compromesso tra felicità familiare e realizzazione professionale.

    Risposta
  • 21 Luglio 2017 in 19:22
    Permalink

    Sono diventata mamma a 33 anni, sono stata fortunata perché sino alla gravidanza sono riuscita a lavorare nel settore per il quale ho studiato… poi al 4 mese di gravidanza arriva la telefonata dei miei sogni
    Mi avrebbero assunta presso L agenzia con cui avevo collaborazioni esterne… ma la mia sincerità “ho comunicato la mia gravidanza” ha fatto sì che il contratto non è mai arrivato….
    Bene allora mi sono goduta il mio piccolo e L ho cresciuto senza aiuti, non avendo più i nonni su cui contare…
    Per fortuna non avevamo spese di mutuo o affitti per cui sono rimasta a casa
    posso solo dire di essere soddisfatta perché in ogni cosa cercavo il bello… e perora l’ho trovato
    Mi permetto di consigliare di riuscire ad adattarsi ad ogni situazione è cercare di esserne sodisfatte, sia lavorando, sia casalinga… sia per scelta che non… i figli sono una grande gioia…

    Risposta
  • 29 Dicembre 2015 in 20:38
    Permalink

    Ho 27 anni e una bambina di 6 mesi. Dall’età di 19 anni ho lavorato con mio padre nel nostro ufficio con dedizione e passione. E come tutte quelli che lavorano in casa non esisteva malattia o permessi e se necessario nemmeno sabato o domenica. Un lavoro che ho svolto con amore e passione e che mi manca moltissimo. Ma arriva prima la mia bambina e d’accordo con mio marito starò a casa almeno un paio di anni per poi tornare parte time, sempre che prima non arrivi di nuovo la cicogna. Io, “figlio maschio di casa”, ho scoperto con la maternità la differenza lavorativa tra uomini e donne. Ci sono donne che riescono a conciliare le due cose, ma mi chiedo con quali risultati. Avendone la possibilità preferisco rinunciare alla mia amata professione che far crescere mia figlia da terzi. E poi mi reputo ancora abbastanza giovane da poter pensare che quando i figli saranno grandi potrò riprendere in mano l’ufficio come una volta.

    Risposta
  • 29 Dicembre 2015 in 09:38
    Permalink

    Sono Stefania, mamma 41.enne di una bimba di 4 anni.
    La mia teoria è sempre stata a favore e sostegno di una mamma lavoratrice. Il tutto a favore della personalità della mamma e poi dei figli …..
    Questa la teoria.
    La (mia) pratica : lo studio presso cui lavoravo ha cessato attività fine 2010 ….. Tutti i miei tentativi di p a farti fino ad allora non avevano dato esiti positivi ….. Inizio 2011 ho rilevato con una socia un’attività commerciale ….. Nel frattempo una gravidanza da puma che è diventata evolutiva ….. Subito ho realizzato che avere un negozio con un bebè sarebbe stato mollato complicato soprattutto in termini di orari.
    Non ho mai avuto (e forse non li avrei voluti avessi potuto averli) aiuti dai nonni.
    Ho portato mia figlia in negozio che Aveva 15 giorni , alternandomi con la mia socia …. A 11 mesi l’ho mandata in un baby parking che fungeva da nido fino alle 18,30.
    Nel frAttempo la crisi ……. Ho trovato di nuovo un impiego part time …….mattino in ufficio … Pomeriggio in negozio ….. La casa …. La famiglia ….. Dovevo iniziare a togliere cose . Non più ad aggiungerne.
    La crisi è stato l’aspetto più devastante . Lavorare , accumulare debiti con il negozio, non avere soddisfazioni e realizzazioni …. Insomma …. Aumentavano i problemi.
    IntNto mi sono resa conto che fintanto che un figlio è piccolo riesci a lasciarlo più tempo in mani terza (fidate) . Più cresce più il nostro rapporto mamma/figlia aveva bisogno di più momenti insieme …. Forse ne ho più bisogno io. Non l’ho ancora capito ma è quello che sento ora.
    Quindi -d’accordo con mio marito – mi sono licenziata. Tra qualche mese chiuderò il negozio.
    Dopo anni mi ritroverò ad essere una mamma casalinga ….. Insomma … Una decisione molto influenzata dalle condizioni esterne non favorevoli ….. Un contenimento dei danni causa crisi ….
    Ma finalmente potrò portarla una volta a settimana ai laboratori di lettura in biblioteca …. Una volta a settimana in palestra dopo la materna …. Ave re i sabati e le domeniche tutti e 3 liberi e insieme ….. Poterla seguire nei compiti quando inizierà la primaria …. Essere una di quelle mamme che possono accogliere in casa i suoi amichetti dopo la scuola perché le altre lavorando non possono ….
    La mia è un’esperienza in costruzione …..
    A livello personale al momento non mi sento privata da qualcosa , il lavoro ultimamente lo vivevo come uno stress e non come fonte di soddisfazioni.
    Speriamo

    Risposta
    • 29 Dicembre 2015 in 11:13
      Permalink

      Grazie Stefania per averci portato la tua esperienza “in costruzione”.
      Il non sentirti privata di qualcosa è un aspetto fondamentale. Sicuramente la tua scelta sarà fonte di crescita e arricchimento sia per te che per la tua famiglia.
      Tanti auguri!

      Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1.8K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap