Bambini e telefonini: un rapporto troppo precoce ✿

telefono
La notizia arriva dagli Stati Uniti, ed è piuttosto curiosa: già prima di compiere i 2 anni di età, i bambini imparano ad utilizzare o comunque ad avere a che fare con tablet e smartphone.

 

Ad analizzare il rapporto precoce fra bambini e dispositivi mobili sono stati i ricercatori dell’Einstein Medical Center di Filadelfia.
I risultati ottenuti dall’indagine sono stati presentati in occasione del convegno annuale della Pediatric Academic Societies, organizzato a San Diego.

 

Dalla ricerca risulta che 1 bambino su 7 nel corso del primo anno di vita utilizza dispositivi mobili per almeno un’ora al giorno.
Sotto la guida di Hilda Kabali, professionista del Dipartimento di Pediatria dell’Einstein Healthcare Network, i ricercatori hanno analizzato tale fenomeno, così tipico del nostro tempo, predisponendo uno specifico questionario articolato in 20 domande; i soggetti presi in considerazione avevano un’età variabile, compresa tra 6 mesi e 4 anni.

 

Si è quindi chiesto ai genitori degli assistiti da una clinica pediatrica di compilare il questionario.
Probabilmente, i ricercatori potevano aspettarsi che il 97% degli intervistati fosse in possesso di un televisore, che l’83% di loro avesse un tablet, che il 77% utilizzasse uno smartphone e che il 59% avesse la necessità di un collegamento a Internet.
Gli elementi che però hanno stupito sono quelli relativi al rapporto precoce dei bambini con i dispositivi mobili: la ricerca ha infatti evidenziato che l’uso di questi apparecchi è stato presente anche in piccoli di 6 mesi.

 

Dai risultati dell’indagine emerge che il 36% dei bambini sperimenta l’ebrezza del touch screen entro il primo anno di vita ed il 24% di loro ha provato anche a parlare al cellulare.
Ma le sorprese non finiscono: il 15% dei bimbi di età inferiore ad un anno ha utilizzato un’app, mentre il 15% si è messo alla prova con un videogioco.

 

Piuttosto inquietante è anche la durata del tempo passato davanti allo schermo, che va dai 30 minuti dei bambini appena iniziati all’uso dei dispositivi mobili fino ad un progressivo aumento, che avanza con l’accrescersi all’età del bambino: il 26% dei bimbi di 2 anni ed il 38% di quelli di 4 anni utilizza gli apparecchi per almeno 1 ora nell’arco della giornata.

 

Da cosa dipende questo fenomeno?
In molti casi dagli impegni dei genitori, che nel 77% dei casi ricorrono a smartphone, tv e tablet per adempiere in tranquillità alle faccende domestiche di routine. Il 60% utilizza invece i dispositivi mobili per calmare bambini più “impegnativi”, il 29% vi ricorre invece per farli dormire.
Dall’analisi dei dati emerge anche che i genitori che si sono chiesti quanto effettivamente l’uso di questi apparecchi possa essere salutare per i propri figli erano in numero limitato. Infatti, soltanto una modesta parte di loro (circa il 30%) ha affrontato il problema con il pediatra di famiglia.

 

Alla luce dei fatti e a fronte della consapevolezza di quanto tali dispositivi dominino nella vita moderna, il consiglio dell’American Academy of Pediatrics fa riflettere: senza dubbio, è preferibile non intrattenere i bambini con smartphone, televisore e computer, per lo meno fino ai due anni di età.

 

 

 

Fonti Bibliografiche
Babies as young as 6 months using mobile media

 

 

forum approfondire segue

Facebook Comments

1.1K Shares

One thought on “Bambini e telefonini: un rapporto troppo precoce ✿

  • 22 Aprile 2018 in 10:12
    Permalink

    Articolo molto interessante, i dati fanno capire come la situazione negli ultimi tempi stia peggiorando. Solo i genitori che non delegano l’educazione ai cellulari e ai mass-media, aiuteranno i bambini a crescere nel modo migliore

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1.1K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap