Baby yoga: la spirale di gioia in espansione ✿

baby yoga

Traggo queste riflessioni da un testo che avevo acquistato mentre aspettavo la mia bambina: “Baby yoga” di Francoise Barbira Freedman.

È un testo dedicato esclusivamente allo yoga per neonati e purtroppo io non ho potuto sfruttare appieno le potenzialità di questo libro in quanto la mia gravidanza, il mio parto e il mio post-parto sono stati contrassegnati da una serie di complicazioni che mi hanno visto in condizioni critiche nelle settimane successive al parto, con una sequela di conseguenze psicologiche che ho poi smaltito con fatica e per lungo tempo.
Ma alcune pagine mi avevano colpito e mi avevano aiutato ad uscire (anche se molto lentamente) dalla spirale di depressione nella quale ero imprigionata e nella quale soprattutto rischiavo di imprigionare anche la mia bambina.

 

Queste pagine parlavano di un’altra spirale, la spirale di gioia in espansione:
“Più gioia saprete comunicare al vostro bimbo, maggiore sarà quella che ne riceverete”.
La spirale prevede una serie di indicazioni:

 

1) Il contatto e il movimento favoriscono la comunicazione tra genitori e neonato: i neonati associano la stimolazione sensoriale alle emozioni quali ad esempio benessere/disagio, piacere/dolore, senso di sicurezza/paura; sono estremamente sensibili alle nostre emozioni e hanno un’intensa risposta emotiva.

 

2) Attraverso il contatto e il movimento i neonati sperimentano l’aspetto fisico del piacere, la consapevolezza del loro piacere si riflette nella nostra gioia; i bimbi recepiscono la nostra gioia e ne sono appagati.

 

3) Questo processo si amplia man mano che arricchiamo il nostro repertorio di esercizi di yoga e il rilassamento ci consente di integrare le esperienze positive con il nostro bimbo e di guarire situazioni di stress e di piccoli traumi.

 

4) Nella spirale, i genitori possono trarre piacere dalla beatitudine dei loro bimbi, dimenticando le aspettative di coloro che li circondano. Questa è una delle gioie più belle dell’essere genitori.

 

5) Con l’espandersi della spirale otteniamo: una migliore comunicazione; un senso condiviso di benessere, fiducia, senso del divertimento cosicché il gioco con il nostro bimbo assumerà un ruolo di grande importanza; un atteggiamento ottimista: la vita deve essere goduta appieno.

 

6) Attraverso la spirale di gioia i genitori riscoprono: l’importanza del gioco; la magia di trovare che la gioia di un altro è fonte di gioia; la rispondenza fisica di emozioni positive; che la maternità significa crescere insieme giorno per giorno; la corrente d’amore sotterranea che si sostiene negli alti e bassi che la vita comporta; che dobbiamo accettare di essere presenti, così come siamo, con le emozioni del momento, qualsiasi esse siano.

 

Grazie a queste indicazioni ho cominciato a piccoli passi a focalizzare la mia attenzione non più su ciò che mi era capitato, ma su ciò che tutto quello mi aveva (anche se dolorosamente) regalato, cioè mia figlia.
Non sempre riuscivo a praticare gli esercizi proposti, ma a volte mi rendevo conto che non era necessario……
Mi bastava guardare la mia bambina negli occhi e la spirale si espandeva.

 

 

Catia

 

 

 

 

forum approfondire segue

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>