Obesità: è allarme mondiale ✿

fat kids

Il sovrappeso e l’obesità stanno diventando fenomeni endemici e allarmanti.

 

Si stima che solo nel 2010 le morti in tutto il mondo, causate dell’obesità, siano state circa 4 milioni: un dato indicativo sull’allarme obesità.

Quando non uccidono, obesità e sovrappeso sono causa di disturbi invalidanti o che possono ridurre la speranza di vita di diversi anni.

 

Questa constatazione ha spinto alcuni ricercatori a svolgere indagini approfondite sul tema, indagando la diffusione del “fenomeno obesità” in un intervallo temporale che va dal 1980 al 2013, raccogliendo dati riguardanti sia adulti che bambini, categoria che ne è colpita in modo preoccupante.
I dati raccolti e analizzati, sono stati pubblicati su The Lancet.
Il materiale proviene da interviste, resoconti, analisi di ben 1800 studi, che hanno consentito con margini di errore estremamente bassi di classificare il problema suddividendo la popolazione in oggetto in varie classi.

 

Quali sono le tipologie di soggetti più colpiti ed in quale area geografica è maggiormente localizzato il problema?
Sono solo alcune delle domande a cui si è cercato di dare una risposta.
La metodologia utilizzata per estrapolare le conclusioni finali è stata quella di stimare l’incremento del peso nell’arco temporale che va dal 1980 al 2013: dati su base mondiale hanno permesso di stimare l’aumento dell’indice di massa corporea in questo lasso di tempo, passando da un peso normale al sovrappeso o dal sovrappeso all’obesità vera e propria.

 

Già da un primo esame, emerge un dato estremamente allarmante: negli uomini mediamente si è passati da un 28,8% di soggetti con IMC maggiore di 25 ad un 36,9%, mentre per le donne l’incremento è stato da un 29,8% al 38%.
Ma i dati che devono maggiormente preoccuparci si osservano soprattutto nei bambini e negli adolescenti dei paesi più sviluppati: oltre il 22% dei ragazzi e delle ragazze sono sovrappeso (dati relativi al 2013).
Il problema non è meno rilevante nei Paesi in via di sviluppo: qui la percentuale di bambini e adolescenti sovrappeso o obesi nel 2013 era dell’ 8%.

 

E’ un dato notevole se si considera che stiamo parlando di Paesi come la Micronesia, Tonga, Samoa e similari.
L’obiettivo dell’indagine si estende anche alla necessità di allertare i decision-maker e spingerli a promuovere provvedimenti seri su scala globale.
Non solo l’obesità e il sovrappeso sono diventati sempre più diffusi, ma ad oggi non siamo in grado di raccontare molte storie di successo nell’uscire da questo grave problema di salute.

 

 

Fonte Bibliografica

 

 

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>