Peso alla nascita e relazione con rischi per la salute ✿

Vediamo i principali risultati.
In generale, rispetto ai riferimenti internazionali forniti dall’NCHS e dall’OMS, i bambini presi in considerazione dall’indagine erano più esili, magri e bassi.

Dall’analisi dei dati emerge che uno scarso accrescimento della circonferenza della metà superiore del braccio tra la nascita e i 6 mesi di vita si è associato ad un aumentato rischio di insulino-resistenza all’età di 6 anni.
Invece, dopo i 6 mesi di vita, maggiore altezza, peso corporeo e più rapida crescita sono stati associati sia ad insulino-resistenza che a più alti livelli pressori a 6 anni, dimostrandosi fattori predittivi di un BMI elevato più forti rispetto alla stessa presenza di massa grassa.

Inoltre, i risultati dell’indagine mostrano che dimensioni maggiori alla nascita e rapida crescita del bambino nella prima infanzia si correlano al dato “corpo esile e magro” e ad un probabile aumentato rischio di malattia cardiovascolare a 6 anni di età; tuttavia, tali associazioni sono relativamente deboli e sicuramente hanno una minore forza rispetto a quelle che si registrano durante la crescita (in peso e altezza) negli anni successivi al sesto.

Durante il resto dell’infanzia che alcuni elementi caratteristici di una rapida crescita (fra i quali peso, altezza, circonferenza della parte superiore del braccio e tipologia di epidermide) possono associarsi tra loro, incrementando in modo tangibile il rischio di sviluppare disturbi cardiovascolari e diabete di tipo 2.
Ciò che colpisce è il fatto che tali associazioni siano state rintracciate in una popolazione rurale indiana, tra bambini che si accrescono lentamente, molti dei quali potrebbero essere classificati come “denutriti” secondo la definizione dell’OMS.

I risultati ottenuti potrebbero non essere generalizzabili alle popolazioni nei paesi occidentali, laddove i bambini nascono con un peso maggiore e rimangono “più grandi” per tutta l’infanzia rispetto ai soggetti indagati; tuttavia, queste informazioni sarebbero forse sfruttabili su un grande numero di paesi in via di sviluppo.
Per questa ragione, lo studio è adesso in fase di standardizzazione e i ricercatori stanno ampliando la loro popolazione-campione; prossimamente saranno quindi disponibili risultati ancora più definiti.

 

Fonte Bibliografica
Newborn size, and childhood growth, and cardiovascular disease risk factors at the age of 6 years; The Pune Maternal Nutrition Study

Facebook Comments

1.9K Shares

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

1.9K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap