Troppi punti nascita insicuri. Rischi per mamme e neonati ✿

ospedale

 

In Italia, il numero di punti nascita insicuri è decisamente elevato.

 

Questo dato mette in allarme i ginecologi e le ostetriche italiane, oltre ad essere particolarmente preoccupante per le neo-mamme ed i neonati.

Secondo un accordo Stato-Regioni siglato nel 2010, infatti, il numero di parti minimo fissato per struttura è di 500 annui.
Seguendo il link alla fine dell’articolo,  potrete vedere l’elenco completo dei parti annui nelle differenti strutture italiane pubblicato da “Quotidiano Sanità”.

Dalla lettura della lista si evince, in primo luogo, che ben 128 strutture non raggiungono la soglia minima.

Si apprende, inoltre, che a capitanare la classifica è il Presidio Ospedaliero di Lipari (in provincia di Messina) che registra il minor numero di parti annui (una media di appena 12), segue a stretta distanza il P.O. Suor Cecilia Basarocco (sempre in Sicilia, precisamente a Caltanissetta) con una media di 14 parti annui, mentre sono 17 per l’Ospedale ‘Tiberio Evoli’ – Melito P.S. (Reggio Calabria) e la Casa di cura Villa delle Margherite (Napoli).

Di seguito illustreremo le linee guida che, secondo il decreto di cui abbiamo già accennato, vanno seguite  nel caso non si raggiunga il limite minimo di parti annui:

 

- Riduzione progressiva dei punti nascita con un numero inferiore a quello previsto di parti ed abbinamento delle strutture ostetrico-ginecologiche con quelle neonatologiche-pediatriche.
- Attivazione di un servizio di trasporto assistito d’urgenza e neonatale d’urgenza per sopperire all’assenza di una struttura nelle immediate vicinanze.
- Adozione di strategie di incentivazione o disincentivazione economica.

 

 

Diventa necessario con il decreto, inoltre, sviluppare una Carta dei Servizi specifica per un punto nascita.
Nel rispetto ed in conformità ai principi di qualità, sicurezza ed appropriatezza, la Carta deve contenere una serie di informazioni riguardanti l’operatività dei servizi, le modalità assistenziali, tecniche per favorire l’umanizzazione dell’intero percorso nascita e provvedimenti per il corretto abbandono della struttura da parte della neo-mamma e del neonato.

 

Un punto importante delle linee guide nazionali è l’integrazione territorio-ospedale.

 

A tal fine è necessario:
- Garantire non solo la presa in carico della nascita, ma anche l’umanizzazione e la continuità assistenziale.
- Disporre percorsi assistenziali differenziati al fine di favorire una migliore gestione delle gravidanze fisiologiche.
- Collegare e mettere in comunicazione le varie strutture territoriali.
- Diffondere corsi di accompagnamento alla nascita.
- Mettere a disposizione un consultorio familiare e la pediatria di libera scelta.

 

 

Fonti Bibliografiche

 

Share on Facebook0Share on Google+1Tweet about this on Twitter0Email this to someone

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>