Ti racconto il mio parto… By Silvia ✿

 

Mi trasferiscono in sala travaglio: una stanza solo per me e mio marito, molto carina… io però non ce la faccio più dai dolori; dalla stanchezza mi si chiudono gli occhi e mio marito mi parla per tenermi sveglia.
Alle 8 sono a 10 cm.

Bene: ad ogni contrazione mi fanno spingere.
La pupa scende ma poi risale tipo “risucchiata”. Ci provo fino alle 9.30 ma niente. La ginecologa allora parla con le ostetriche e decide che mi fa provare a spingere per l’ultima volta altrimenti mi farà un cesareo perché la pupa ogni volta che spingo diventa un po’ sofferente.

Allora, l’immagine è questa: io sdraiata, mio marito a sinistra che mi regge la testa e mi incita, sulla pancia un’ostetrica che mi aiuta e mi schiaccia, altre ostetriche in giro al letto (ero l’unica che stava partorendo) e davanti la ginecologa con la ventosa. Prima spinta a vuoto, seconda spinta meglio, terza spinta… sono le 10.13 ecco Giada!!

Scatta l’applauso di tutti: c’erano tipo 10 medici dentro in stanza!
Non scendeva perché aveva il cordone attorno al collo: povera stella. Me l’appoggiano subito sul petto ancora col cordone attaccato; è una meraviglia e ancora non ci credo.

La prendono e la portano nell’isola neonatale per i controlli… SEGUE

 

segue

 

Facebook Comments

3.3K Shares

One thought on “Ti racconto il mio parto… By Silvia ✿

  • 4 Marzo 2020 in 16:45
    Permalink

    Finalmente arrivi tu. Partirò da due giorni prima e il 3 dicembre e sono alla 38+6oggi abbiamo appena ricevuto la notizia che la tua amichetta di pancia è appena nata tutti noi felicissimi per loro.. Io vado in bagno e trovo delle macchiette rosa poi comincio a sentire dolorini ogni mezz’ora circa avviso la tua nonna che subito si precipita e papà che al solito era giù a lavorare faccio una doccia e mi sistemo intanto i dolori continuano pranziamo e subito dopo corriamo in ospedale subito sotto tracciato e visita un centimetro di dilatazione testa bassa ma le contrazioni si sono fermate visto che è tutto fermo mi rimandano a casa l indomani 4 dicembre 2 tracciato di rito vado in bagno prima di entrare in stanza e splash la pipi nn si ferma e diventa più densa poi abbasso la testa e vedo che è rosa cerco di ricompormi ed esco chiamo subito un infermiera tra il panico e la paura e mi portano subito al monitoraggio zero contrazioni dilatazione ancora ferma… Vado avanti così fino alle 12 ore nel frattempo il tuo povero papi che era con me in ospedale rimane solo fuori ad aspettare e ad avvisare tutti che nel frattempo si erano precipitati in ospedale ad attendere ogni tanto mi facevano uscire per camminare e vedere tutti che stavano fuori xke io ero lì da sola non poteva entrare nessuno… Sono le 21 e decidono di indurcmi anche xke già era scattato il tempo massimo dalla rottura delle acque arrivata la mezza notte scattano i dolori ma ancora niente dilatazione tu eri ancora tranquilla e stavi bene mi portano in sala parto dove mi mettono la flebo e mi dicono di cercare di riposarmi che avrebbero avvertito loro fuori intanto io tra ansia e dolori non riesco a chiudere occhio piango e chiedo di poter vedere tuo padre o la nonna ma niente in ospedale erano molto rigidi arrivati alle 6 del mattino completo la dilatazione penso finalmente ora ci siamo posso spingere ma niente cambio turno ne avrò cambiati 4 da quando ero lì arriva l altra che viene a controllare e mi fa sedere sul water dopo averlo accuratamente sistemato in caso saresti uscita continuo a spingere tu nel frattempo eri ben incanalata si vedeva già la tua folta chioma ma non uscivi ancora così l ostetrica mi fa alzare e andare sul letto dove mi dice di fare attenzione xke la tua testa era già quasi fuori così per paura e per istinto mi metto a covaccioni sul letto e continuo a spingere nel contempo dietro e a t torno a me c’è tutta in equipe di tirocinanti che assistono l ostetrica si sposta e rimane a guardare dicendo ai ragazzi che la natura stava facendo il suo corso tu eri girata ecco un altra spinta e sei venuta fuori da sola mi giro e ti vedo a testa in giù sul letto… Tuo padre doveva entrare all ultima spinta ma nn c’era più tempo così ti portano a visitarti e finiscono di sistemarmi poi finalmente eccoti qui nn piangi hai gli occhi aperti e mi guardi tutto x me si ferma li.. Finalmente ci portano a vedere il tuo papà che nn se l aspettava proprio di trovarci lì un emozione unica… Sofia 3.100kg x 49 cm

    Risposta

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

3.3K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap