Minaccia di parto pretermine, di che si tratta? ✿

parto-prematuro@

 

Si definisce Minaccia di Parto Pretermine (MPP) l’appianamento e la dilatazione della cervice uterina tra la 20a e la 37a settimana di gestazione.

Sintomi:

  • Contrazioni uterine ritmiche con o senza dolore, resistenti al riposo;
  • Malessere generale: lombalgia, pressione sovrapubica, crampi intestinali, diarrea.

Segni:

  • Riscontro di attività contrattile regolare prima della 37°sett. con palpazione addominale o tocografia;
  • Modificazioni a carico del collo uterino: posizione, lunghezza e dilatazione (cervicometria);
  • Lieve perdita ematica;
  • Aumento di perdite vaginali;
  • Segni di cistite o vaginite.

Nonostante i progressi della medicina e delle tecniche assistenziali, negli ultimi 50 anni il tasso di incidenza del parto pretermine non si è modificato e si attesta tra il 4% e il 16%.
Il parto pretermine rappresenta la maggior causa di mortalità e morbilità neonatale; nel 70-80% dei casi l’insorgenza è spontanea.

Il 50% dei parti pretermine è associato a fattori di rischio… [SEGUE] 

 

Facebook Comments

2.8K Shares

One thought on “Minaccia di parto pretermine, di che si tratta? ✿

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

2.8K Shares
Share via
Copy link
Powered by Social Snap