Latte materno: importante fonte di cellule staminali ✿

allattamento bimbo
Cellule staminali nel latte materno?

 

Il National Breastfeeding and Lactation Symposium di Londra, ha dichiarato che nel latte materno si trovano cellule staminali in grado di essere trasmesse ai neonati durante la poppata.

Pare che le staminali si integrino all’interno del corpo di chi assume il latte e svolgano un ruolo attivo nello sviluppo dei vari tessuti che formano l’organismo del neonato.

La ricerca è stata avviata nel 2007 dal gruppo di studio della University of Western Australia (UWA) che aveva isolato alcune cellule staminali contenute nel latte materno.

Sino ad oggi però mai nessuno era riuscito a seguirne il percorso e a verificarne la loro effettiva funzione.

 

 

Per raggiungere lo scopo, i ricercatori hanno manipolato geneticamente i topi da laboratorio, introducendo un gene denominato Td-Tomato, in grado di colorare di rosso le cellule staminali se sottoposte a fluorescenza. Le femmine di topo con il gene modificato hanno cominciato ad allattare i piccoli, permettendo al gruppo di ricerca di seguire il percorso delle cellule staminali nel loro organismo.

Dalle analisi è emerso che le cavie diventate adulte mostravano ancora tracce delle cellule staminali contenute nel latte materno. Le cellule sono state ritrovate sia nel cervello, dove svolgono la funzione di formazione dei neuroni, sia nel fegato per la produzione di epatociti.

 

Il latte materno è facilmente reperibile e gli esperti hanno trovato cellule staminali in grande quantità.

Il latte materno  vanta una composizione talmente difficile da replicare, da rendere tutti i suoi sostituti in polvere alla stregua di surrogati, anche a fronte di immense risorse messe in campo dall’industria di riferimento che continua a creare prodotti in grado di avvicinarsi alla formula originale senza mai raggiungerla.

 

Lo scambio di cellule che avviene durante l’allattamento costituisce la causa primaria che rende il latte materno un alimento non replicabile sul piano industriale e una delle ragioni in grado di validare la credenza, spesso adombrata di componenti di tipo metafisico o psicologico, in base alla quale l’allattamento cementerebbe negli anni il legame tra madre e figlio.

Inoltre questa fonte di staminali permetterebbe di risolvere i problemi etici legati all’utilizzo di cellule staminali embrionali.

 

La Dr.ssa Foteini Hassiotou ha dichiarato:Abbiamo effettuato ulteriori passi avanti nel campo della ricerca, dimostrando ancora una volta come il latte materno non sia solo un semplice nutrimento per il bambino. Queste staminali possono diventare cellule di tessuto osseo, cartilagineo, adipose, pancreatiche, epatiche, neuroni. È proprio questo il loro valore: stimolandole opportunamente provetta è possibile ‘trasformarle’ in cellule specializzate di diversa e svariata natura. D’altra parte ancora molte domande rimangono insolute, in particolare stiamo ancora studiando il ruolo di tali cellule nei bambini allattati al seno”.

Infatti per ora gli studi si sono limitati alle sperimentazioni su modello murino, anche se non c’è motivo di credere che nell’uomo i risultati siano differenti.

 

Quindi un motivo in più per suggerire alle donne di allattare i loro neonati e supportarle in questa scelta!

 

 

Fonte Bibliografica

Hassiotou F., Hartmann P.E. (2014). At the dawn of a new discovery: The potential of breastmilk stem cells. Advances in Nutrition

 

 

 

banner-fb-allattamento

 

 

il più grande gruppo di mamme per l'allattamento

 

 

 

 

 

Una risposta a “Latte materno: importante fonte di cellule staminali ✿”

Lascia un commento

XHTML: Puoi usare questi tags: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>