Lista utenti taggati

    Fecondazione assistita, la Corte europea dei diritti umani boccia la legge italiana

    corsi formazione

    Roma, 28 ago. (Adnkronos salute) -

    Il divieto, previsto dalla legge italiana sulla
    fecondazione assistita, per le coppie di portatori sani di malattie genetiche di eseguire lo screening sugli embrioni, viola il diritto al rispetto della loro vita privata e familiare. Lo sostiene la Corte europea per i diritti dell'uomo, in un giudizio sulla legge 40, emesso all'unanimità sul caso di una coppia italiana.

    R. C. e W. P., di Roma, sono portatori di fibrosi cistica e si erano rivolti alla Corte, secondo cui il divieto è in contrasto con l'articolo 8 della Convenzione europea sui diritti umani.R. e W., rispettivamente del '77 e del '75, hanno avuto una bambina nata nel 2006 con la fibrosi cistica: allora hanno scoperto di essere portatori sani della malattia. Quando la donna è nuovamente rimasta incinta nel 2010, si è sottoposta alla diagnosi prenatale e il feto è risultato positivo. R. ha allora abortito.

    La coppia vuole un bambino, e lo vuole sano, sottoponendo gli embrioni ottenuti per la fecondazione assistita allo screening preimpianto.
    L'analisi degli embrioni per impiantare nella donna soltanto quelli sani è vietata dalla legge 40, che la consente solo per le coppie in cui l'uomo ha una malattia sessualmente trasmissibile, come l'Hiv o l'epatite B e C, per evitare il rischio di contagio.

    R. e W. non sono l'unica coppia che si battono per ottenere lo screening preimpianto. A gennaio del 2010, per la prima volta, il Tribunale di Salerno ha autorizzato due aspiranti genitori, portatori sani di atrofia muscolare, a sottoporsi al test. I due romani sono andati oltre e si sono rivolti a Strasburgo.

    La Corte, nel giudizio che non è definitivo, evidenzia
    la discrepanza fra questo divieto previsto dalla legge 40 e l'aborto terapeutico, che invece viene consentito. Sottolineando che il no alla diagnosi preimpianto è previsto, in Europa, solo in Italia, Austria e Svizzera, la Corte conclude che viola l'articolo 8 della Convenzione europea per i diritti umani, quello che garantisce il diritto al rispetto della vita privata e familiare.

    La Corte di Strasburgo ritiene che lo Stato italiano debba versare alla coppia
    15 mila euro come risarcimento per danni non materiali e 2.500 euro per le spese sostenute.Il ministro della Salute, Renato Balduzzi, commenta: "La questione della compatibilità tra legge 40 e legge 194 sollevata dalla Corte di Strasburgo è un problema già noto". E il governo "aspetta di leggere le motivazioni della sentenza".

    Il ginecologo
    Carlo Flamigni, padre della fecondazione assistita e componente del Comitato Nazionale di Bioetica, all'Adnkronos Salute dichiara: "Da Strasburgo arriva un'ottima notizia, e in tempi come questi c'è da essere contenti. Mi sembrava, comunque, che questa parte della legge sulla fecondazione assistita", relativa alla diagnosi pre-impianto in caso di genitori portatori di malattie ereditarie, "fosse nei fatti già disattesa in Italia: alle coppie bastava rivolgersi ai tribunali. Insomma, della legge 40 restano solo alcuni scheletri nell'armadio".

    Maria Paola Costantini,
    avvocato che ha difeso diverse coppie di fronte a tribunali italiani contro i 'paletti' imposti dalla legge 40, spiega: "C'è ancora la possibilità che lo Stato italiano faccia ricorso alla Grande Camera, con il rischio di un ribaltamento della sentenza odierna, come è avvenuto per la fecondazione eterologa. Ma, in caso contrario, fra tre mesi questa decisione diverrà definitiva''.

    Per l'avvocato Filomena Gallo, segretario dell'
    Associazione Luca Coscioni per la libertà di ricerca scientifica, "è una vittoria importantissima che dà un duro colpo all'impianto proibizionistico della legge italiana sulla fecondazione assistita". Ora - aggiunge - ci impegneremo affinché si possa, in questo o nel prossimo Parlamento, eliminare completamente i residui divieti della Legge 40".

    Sul fronte politico, il senatore
    Ignazio Marino, presidente della Commissione d'inchiesta sul Servizio sanitario nazionale, sottolinea: "La decisione di Strasburgo ci indica la via: riscrivere completamente la legge 40. Come affermato dalla nostra Carta dei diritti e votato dall'Assemblea nazionale, questo - promette - sarà l'impegno del Partito democratico, nell'interesse della salute delle persone, della vita delle coppie e della ricerca scientifica del nostro Paese".

    Eugenia Roccella
    , deputata del Pdl, lancia invece un appello al governo perché ''presenti il ricorso alla Grande Chambre" per ''difendere anche in questo caso le leggi votate dal Parlamento''.

    Mentre per
    Alessandra Mussolini (Pdl) "ogni coppia italiana ha il diritto di poter usufruire della diagnosi preimpianto: è un diritto sacrosanto".

    Critica nei confronti della sentenza
    Paola Binetti, parlamentare dell'Udc , per la quale il giudizio della Corte europea "è discutibile" e "rischia di aprire la strada all'utopia dei sani per forza, per cui il diritto a nascere sarà proibito con l'espansione delle possibilità diagnostiche".

    La bocciatura europea è invece, secondo il deputato e responsabile sanità dell'Italia dei valori
    Antonio Palagiano, ''l'ennesima conferma dell'incostituzionalità di questa legge che non tutela affatto i diritti e la salute dei cittadini. Per questo, insistiamo nel dire che la legge 40 va riscritta al più presto".

    Fecondazione assistita, la Corte europea dei diritti umani boccia la legge italiana - Adnkronos Cronaca

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •