Lista utenti taggati

    Le 'malattie' dei nostri bimbi

    corsi formazione

    Ciao a tutte
    Scrivo su un argomento che mi sta molto a cuore, reduce ieri dall'ascolto di una discussione tra una nonna e una mamma che parlavano del nipote/figlio di pochi mesi sempre raffreddato.
    Ora, io mi rendo conto di essere un po' fuori dalla media, in quanto non assumo medicinali da anni ma vorrei raccontarvi le mie esperienze in merito di malattie.
    La malattia è il modo con cui il corpo ci comunica che qualcosa non va nel nostro modo di pensare o di agire o nel nostro stile di vita.
    I medicinali servono solo come stop momentaneo dei sintomi ma non ne guariscono la causa, che è da ricercare dentro di noi.
    Per quanto riguarda i bambini, soprattutto fino ai 9 mesi, la causa della malattia è da ricercare nella madre (bella responsabilità, eh? ).
    Fino alla conclusione dell'esogestazione (i 9 mesi del bimbo), madre e figlio sono ancora legati da un filo d'oro esattamente come durante la gravidanza. Per questo è importante che la madre sia serena: il bimbo assorbe ogni emozione materna e la 'manifesta'. Sedere arrossato, eczemi, febbre, qualunque cosa. Persino le classiche crisi per i dentini, che siamo abituati a classificare come fisiologiche.. non lo sono! Non è fisiologico che il bimbo stia male.
    Tutto questo per dirvi: vi prego, non riempite di farmaci i vostri piccoli. Provate ad ascoltarvi. Sentite se qualcosa non va e, se il malessere del bimbo va avanti da un po', provate a pensare al momento in cui è iniziato.

    Vi faccio un esempio.
    Qualche tempo fa a Flora è venuto uno sfogo da pannolino tremendo.
    Sedere di fuoco, con addirittura piccole ulcere. Cercava di trattenere la cacca perchè le bruciava troppo ma non ci riusciva del tutto: ne usciva pochissima per volta con la conseguenza che le faceva ancora più male.
    Io stavo impazzendo per cercare di capire cosa non andasse e non ci riuscivo, lei stava sempre peggio e niente di quel che facevo sembrava avere effetto.
    Un pomeriggio ho chiamato, disperata, la naturopata. Lei ci ha pensato un poco su e poi mi ha detto: "c'è qualcosa che brucia dentro".
    Bam.
    Ho capito al volo.
    Il mio compagno aveva da poco ricominciato a fare 14 ore fuori casa per lavoro (fa il giardiniere, la primavera è un periodo stressante ) e io pativo il fatto che passasse giorni senza vedere Flora.
    Ne abbiamo parlato, mi sono sfogata.
    Due giorni dopo il sedere di mia figlia era tornato normale.

    Spero che tutto questo vi sia utile

    ..e ancora mi innamora e mi fa sospirare così, adesso e per quando tornerà l'incanto..

    Re: Le 'malattie' dei nostri bimbi

    Elena io non so che altro aggiungere!!

    Mi ritrovo nelle tue parole!

    Nella malattia... vedo la fisiologia!

    Quant'è forte il corpo (inteso in senso onnicomprensivo) se gli diamo ascolto, spazio, tempo...


    In casa, nel nostro nido, trovo che i malanni di un componente siano una chiave di riconnessione per tutto il nucleo: i ritmi cambiano, ci si ascolta (individualmente e reciprocamente) ad un livello che a volte "sfugge".





    Desiderare di concepire un figlio significa mettere in moto delle energie pensiero, dare loro una forma e delle connotazioni anche emozionali che costituiranno il primo nido in cui nascerà il bambino. Perciò occorre che quel primo nido, costruito dai pensieri dei genitori, sia forte e di buona qualità.

    Re: Le 'malattie' dei nostri bimbi

    ciao @ElenaFlora

    un argomento davvero molto interessante!

    Sono abbastanza in linea con il tuo pensiero, ma al tempo stesso ho diverse perplessità.

    Innanzitutto anch'io cerco di evitare i medicinali. Amelia non ne ha mai presi.
    E ho vissuto (su me stessa) in diverse occasioni, a volte con sorpresa e incredulità, la risoluzione di problematiche fisiche dopo che avevo risolto, o anche solo preso coscienza di problematiche emotive.

    Quali sono i miei "ma"?
    Beh innanzitutto ho la prospettiva privilegiata di persona che gode di ottima salute, e lo stesso (finora almeno) mia figlia. E i malanni risolti intervenendo a livello emotivo di cui ho esperienza sono cose di poco conto, sfoghi cutanei, dolori, mal di testa. Immagino che anche tu, visto il virgolettato del titolo, volessi limitare il discorso a questi tipi di malesseri, e mi trovi d'accordo.
    Mi spaventa un po' però che tanta gente applichi questo atteggiamento anche nel trattamento di patologie come che so, un cancro, il diabete, dove difendo strenuamente le cure farmacologiche tradizionali.

    Un po' perplessa anche davanti all'affermazione che non è fisiologico che il bimbo stia male.
    Non so, probabilmente è un mio limite il fatto di non riuscire a immaginarmi una spiegazione diversa.

    Ma quindi come si spiegherebbe che all'80% dei bambini la dentizione fa male? E le coliche neonatali - mamme isteriche?

    Amelia le ha avute entrambe e sinceramente le ho accettate come fisiologiche. ( Questo non significa che sia corsa a darle medicine: tante coccole, canzoncine... )




    Re: Le 'malattie' dei nostri bimbi

    Ciao,
    io rispondo da scienziata prima che da mamma... ci sono malattie e malattie.
    Le malattie che più spesso contraggono i bambini piccoli sono malattie di origine virale o batterica, fungina al massimo. Che cosa c'entra la mamma? Che cosa c'entra "il modo con cui il corpo ci comunica che qualcosa non va nel nostro modo di pensare o di agire o nel nostro stile di vita."?

    E' una questione di biologia. Incontro di patogeni con le cellule del nostro sistema immunitario. Di risposta di neutrofili e linfociti ad antigeni non-self.

    E al di là di questo, vorrei sottolineare che se a te, @ElenaFlora, è andata bene, nel senso che tua figlia non si è ancora ammalata (salvo n tremendo sfogo da pannolino!!), non vedo perchè tu debba colpevolizzare le mamme meno fortunate, che hanno bimbi che si sono ammalati anche da piccolissimi.

    Chi volò sul nido della quaglia?

    Re: Le 'malattie' dei nostri bimbi

    Non posso parlare a nome di Elenaflora,

    ma mi permetto (come portavoce di me stessa) di dire di non sovrapporre piani e concetti che non sono stati citati.


    Non leggo nessuna colpevolizzazione

    semmai un invito ad accogliersi e ad accogliere (e le citate "coliche" forse ne sono davvero un esempio semplice e lampante)

    Ovviamente si sta parlando di malanni comuni (non perché ci sia un discrimine, ma perché non è agevole parlare e confrontarsi su situazioni davvero grandi).


    Non so se possa esser apprezzato o rischi di far storcere ulteriormente il naso mutuare un termine scientifico (fisico),
    ma mi viene in mente una sorta di "entanglement".


    Io poi non so se e quanto ci possa essere della mamma,
    magari nulla, magari un po', magari molto...
    non ne ho idea e forse nemmeno "mi interessa"!

    Il mio pensiero, però, è che la malattia (e qua limitiamoci al malanno comune) sia una porta di comprensione (sia essa pratica - come un semplice rallentamento dei ritmi - sia essa più ampia)





    Desiderare di concepire un figlio significa mettere in moto delle energie pensiero, dare loro una forma e delle connotazioni anche emozionali che costituiranno il primo nido in cui nascerà il bambino. Perciò occorre che quel primo nido, costruito dai pensieri dei genitori, sia forte e di buona qualità.

    Re: Le 'malattie' dei nostri bimbi

    Citazione Originariamente Scritto da ElenaFlora Visualizza Messaggio
    Per quanto riguarda i bambini, soprattutto fino ai 9 mesi, la causa della malattia è da ricercare nella madre
    @Metabolé se non è colpevolizzazione questa...

    Le coliche sono un entità astratta nemmeno scientificamente dimostrata.
    Io ho parlato di malattie. Se un bambino ha il raffreddore non è perchè il suo corpo manifesta un disagio. E' perchè è venuto a contatto con un virus. Punto. Altrimenti buttiamo via anni e anni di ricerche scientifiche, e possiamo persino dire che qualcuno gli ha fatto il malocchio.

    Chi volò sul nido della quaglia?

    Re: Le 'malattie' dei nostri bimbi

    Citazione Originariamente Scritto da *azulejo* Visualizza Messaggio
    Mi spaventa un po' però che tanta gente applichi questo atteggiamento anche nel trattamento di patologie come che so, un cancro, il diabete, dove difendo strenuamente le cure farmacologiche tradizionali.
    Infatti sarebbe da irresponsabili basarsi solo su questo per la guarigione di malattie gravi, in quanto in questi casi il lavoro da fare su se stessi per arrivare alla guarigione sarebbe sicuramente molto lungo.
    Io non sto dicendo che la medicina tradizionale non serve a priori, dico solo che non la uso su me stessa per curare ad esempio un raffreddore o cose del genere. Le medicine servono ma curano solo i sintomi della malattia, non la causa.
    In poche parole è giusto andare al di là della semplice cancellazione del dolore o della scomparsa dei sintomi, incentrandosi sulla ricerca del fattore responsabile dei disturbi.
    "Il dolore, il malessere o l'affezione sono considerati segni precursori dell'inclinarsi dell'armonia in una parte dell'organismo, e far scomparire questi segnali senza ricercare l'informazione di cui sono forieri sarebbe come disinserire l'allarme antifumo dopo che ha rilevato un focolaio d'incendio. Ignorando l'allarme, rischiamo di trovarci nel bel mezzo delle fiamme, ed è precisamente quanto fanno coloro che inghiottono una medicina senza cercare di capire quale sia l'origine del segnale. Questo non implica automaticamente che sia necessario rifiutare una medicina che potrebbe darci sollievo: significa invece non limitarsi a voler cancellare il dolore o a voler far scomparire i sintomi, ma voler eliminare anche ciò che ha potuto originarli."

    ..e ancora mi innamora e mi fa sospirare così, adesso e per quando tornerà l'incanto..

    Re: Le 'malattie' dei nostri bimbi

    Citazione Originariamente Scritto da Lusigi Visualizza Messaggio
    @Metabolé se non è colpevolizzazione questa...
    Assolutamente non era mia intenzione colpevolizzare nessuno, mi dispiace che sia stato letto e travisato in questo modo.
    Sono una mamma anche io, non mi credo sicuramente superiore a nessuno.
    Il mio voleva essere un aiuto, un'indicazione verso l'ascolto delle proprie emozioni.
    Ovviamente le malattie sono comprensibili a livello scientifico (e meno male) ma io non sto parlando di magia e malocchio e non sto screditando la scienza.
    Io sto parlando di un corpo che si ammala perchè le sue difese si abbassano a causa di un motivo interno, da ricercare nelle emozioni.
    Non intendo cercare di convincere nessuno a cambiare idea, sarebbe assurdo, così come nessuno convincerà me a ambiare idea

    ..e ancora mi innamora e mi fa sospirare così, adesso e per quando tornerà l'incanto..

    Re: Le 'malattie' dei nostri bimbi

    Mi ritrovo molto nelle parole di @ElenaFlora...
    Io sono una che prende pochissime medicine e ne somministra poche anche ai bimbi!!
    Purtroppo ne hanno prese...ma quando è necessario non ne possiamo fare a meno!!


    I miei bimbi hanno avuto pochissime coliche , ma mi sono resa conto che ogni volta che le avevano erano sempre dopo ad un allattamento dove io ero più agitata, nervosa... stressata!!

    Questo è solo un esempio...

    Logicamente questo discorso non vale per malattie "serie"...





Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •