Essere Madri

Le nostre spinte

Valuta Questa Inserzione
Di il 25-02-13 alle 08:56 (1061 Visite)
Le mamme che incontro non di rado esprimono tutta una serie di propositi, desideri o aspirazioni riferibili al loro comportamento o alle loro attitudini:
"Vorrei essere una mamma perfetta, ma so di non riuscirci"
"Non sono abbastanza forte, altrimenti non mi sentirei così..."
"La casa, i bambini, il lavoro, mio marito. Nonostante tutti i miei sforzi, non riesco a gestire le cose come vorrei"

A tutte noi capita di essere insoddisfatte del nostro comportamento.

Vorremmo poter dare di più e ci sentiamo frustrate quando non ci riusciamo.
Eppure, a volte, questa insoddisfazione per il proprio modo di essere e di agire nasce da qualcosa di più profondo e che si rifà alla nostra storia personale: quando eravamo noi le bambine inermi e bisognose di amore e di cure.
Ogni bambino ha bisogno di amore e accettazione incondizionati: di essere cioè amato per quello che è e non per quello che fa.
Accade però che le nostre figure genitoriali (mamma, papà, nonni, insegnanti...) spesso inconsapevolmente ci convincono che essere noi stessi non basta ma che per essere amati, accettati, per andare bene: in una parola, per essere "ok" dovremo neccessariamente e costantemente

Essere forti (cioè non poter mai essere deboli o mostrare debolezza, non cedere, non sentire le emozioni).
Essere perfetti (cioè non sbagliare mai, non essere "spensierati" e non provare piacere).
Sbrigarci (cioè non poterci prendere il tempo necessario, non soffermarci a godere e assaporare le cose belle, passare subito ad altro).
Compiacere (cioè non pensare con la nostra testa, assecondare gli altri, anteporre i bisogni altrui ai nostri).
Sforzarci (cioè non farla tanto facile, è più importante lo sforzo che l'obiettivo, fare molta fatica per poi non riuscire nell'impresa).

Da qui, quelle che in Analisi Transazionale* si chiamano "spinte"
Sii forte!
Sii perfetto!
Sbrigati!
Compiaci!
Sforzati!


Imperativi interiori; schemi di comportamento che ci accompagnano nella vita adulta e che mettiamo in atto anche quando non ce ne sarebbe bisogno, perché la situazione non lo richiederebbe.
Che ci portano ad agire sulla base di automatismi appresi durante l'infanzia ma di cui oggi non avremmo bisogno per affrontare la quotidianità in modo efficace e soddisfacente.
La maggior parte delle persone tende ad avere anche in piccola dose tutte queste spinte, è un aspetto che riguarda in generale la nsotra società; però poi ciascuno di noi ne sente alcune più forti di altre ed è soprattutto da queste che viene maggiormente condizionato.

Continuiamo ad agire le spinte nel tentativo di soddisfare il nostro bisogno profondo di accettazione e di amore.
Molte volte siamo portate a conformare il nostro ruolo di mamma sulla base di questi precetti. Spesso in modo sottostante (senza nemmeno bisogno di dircelo o metterlo in discussione) desideriamo essere perfette o più forti o veloci o capaci di maggiori sforzi o compiacenti... o qualcuna se non addirittura tutte queste cose insieme.
Un'esperienza di maternità soddisfacente è in realtà fortemente ostacolata dalle spinte, proprio nella misura in cui queste vengono messe in atto senza una reale necessità contingente ma servono a colmare il nostro bisogno di accettazione e di sentirci bene con noi stesse.
Peccato che proprio quest'ultimo aspetto non venga in questo modo realmente soddisfatto.

Quali sono le tue spinte? mammole.counselor@gmail.com

*L’Analisi Transazionale (AT) è una teoria psicologica della personalità e delle relazioni interpersonali, che fonda e costruisce i suoi principi basilari su una originale analisi della comunicazione verbale e non; il suo fondatore è Eric Berne (1910-1970).
Un testo fra i tanti, che ne offre una panoramica completa è L'analisi transazionale. Guida alla psicologia dei rapporti umani di Ian Stewart e Vann Joines


mammole.counselor@gmail.com
Categorie
Non Categorizzato

Commenti

  1. L'avatar di alma72
    • |
    • permalink
    [QUOTE]salve angi78 è proprio vero penso che forse tutte noi mamme non siamo in fondo contente del nostro nostro mododi porci verso i nostri figli come credo che anche le nostre mamme lo avranno pensato l'importante e seguire il nostro cuore io dalla mia 2 gravidanza ho imparato tanto e sprero di essere una mamma migliore ciao da alma72 [/QUOTE