Lista utenti taggati

    Il seno non è solo nutrimento

    corsi formazione

    E' coccola, carezza, consolazione.

    E' calore, odore di mamma, ritrovare un contatto uterino.

    Questo è quello che provo quando allatto il mio cucciolo, ed ogni male si rasserena.

    E voi, cosa provate allattando i vostri bambini?

    Re: Il seno non è solo nutrimento

    vale anche al pasato?

    Io dico sempre che aver allattato mio figlio sia stato un dono per me. Penso di averlo già detto in qualche altra occasione, allatarlo mi ha insegnato ad amarlo. Certo, lo amavo anche prima che venisse alla luce, ma in maniera astratta, scontata; quando ti ritrovi tra le braccia un esserino urlante di cui non sai nulla, è tutto diverso. Attaccarlo al seno, vederlo letteralmente aggrappato alla mammella con la forza di un istinto a me sconosciuto prima, mi ha aiutata anche a superare i momenti più bui del post-parto. Ricordo quei dodici mesi con tanta dolcezza e un po' di nostalgia...



    Re: Il seno non è solo nutrimento

    Quel cucciolo accovacciato in modo fiducioso e sereno,
    il suo sorriso o il suo staccarsi "parlocchiando" col piglio di chi sente le energie rinforzate

    ....questo mi viene in mente in prima battuta!

    Io mi sento in una bolla colorata!

    Le sue pupille, il suo sguardo semicoperto
    e quelle manine che si muovono e che accarezzano!

    Uno spalmarsi reciproco!





    Desiderare di concepire un figlio significa mettere in moto delle energie pensiero, dare loro una forma e delle connotazioni anche emozionali che costituiranno il primo nido in cui nascerà il bambino. Perciò occorre che quel primo nido, costruito dai pensieri dei genitori, sia forte e di buona qualità.

    Re: Il seno non è solo nutrimento

    Per la prima figlia quello che mi viene in mente é "il suo punto fermo", che é ovviamente piú legato alle sue ultime poppate a due anni e mezzo. Questo perché quello che pensavo sempre é che mentre cresceva, imparava, scopriva il mondo e in un certo senso (o fino a un certo punto) iniziava a separarsi da me, quella era la sua certezza, ogni giorno magari anche solo una o due volte, da quando era nata, qualsiasi cosa succedesse, che fosse una giornata serena o pesante, c´era sempre, il nostro momento, il nostro contatto.

    Per la seconda figlia, in cui siamo ancora nella fase di allattamento esclusivo e intenso, é proprio la coccola, il calore, il "nostro" momento ancora di piú. Perché mi sembra di avere cosí poco tempo per lei (se lo confronto a quello che avevo con la prima), che quello é proprio solo il nostro. Specialmente di notte, quando siamo proprio solo io e lei (di giorno a volte devo allattarla e leggere una storia alla grande, o mescolarle il pongo...), la prendo su dal suo lettino, con le sue manine fredde, e mi concentro proprio su tutto l´amore, il calore, la fiducia, la dolcezza, che passa attraverso il latte, col contatto... solo a scriverlo qui mi manca giá...



    Re: Il seno non è solo nutrimento

    se penso al primo allattamento... mia figlia penso odiasse il latte, punto e basta. E ha sempre odiato stare in braccio, quindi da subito poppate velocissime, era ingorda e dopo voleva esere messa giù. Per farla dormire mi ostinavo a tenerla in braccio, per sentire il suo profumo di bimba, ma lei non voleva! Le poppate son sempre stata una lotta, a 3 mesi ne faceva 4 e basta in una giornata, tutti a credere che fossi io a nn voler allattare a richiesta e non lei a non chiedere! In patologia neonatale era l'unica bimba che quando non c'era la mamma non piangeva mai, anzi, piangeva quando la tiravo su e si parla di pochi giorni di vita.
    Con il secondo bimbo è stato diverso, ma perchè era lui diverso. Ha sempre amato il latte e il contatto fisico, ancora adesso se viene nel lettone a giocare si stende a contatto con me, anche se il letto è tutto vuoto. Anela proprio alle coccole! E anche il seno per lui è sempre stata anche coccola, non solo cibo. Anche se. Io non sono molto coccolosa di mio, mio marito mi rimprovera sempre anche nel rapporto tra me e lui. Il fatto che il seno fosse anche altro mi ha sempre lasciato un po' un non so che e appena ho potuto, di comune accordo con i bimbi, ho lasciato che il nostro contatto si trasformasse in altro, pur lasciando il seno come nutrimento finchè ha voluto lui. Con la bimba, invece, come dicevo sopra, ho insistito molto dopo che lei mi aveva fatto capire che era stufa e stra stufa di latte! Io comprendo i sentimenti vostri, ma non li ho vissuto in prima persona. Mi sarebbe piaciuto, ma non ce l'ho fatta.

    Due cuori, due bimbi e una capanna.
    12/08: 73,6 kg; 17/08: 72 kg; 24/09: 69 kg; 02/10: 68,3 kg; 07/11: 65,6 kg; 04/12: 64,2 kg; 05/01: 63,5 kg; 26/01: 63 kg; 19/02: kg 62; 28/03: 60 kg, obiettivo raggiunto!

    Re: Il seno non è solo nutrimento

    Provo rilassamento, benessere, intimità, amore.
    Occhi negli occhi, a volte mani nelle mani; una carezza in viso, manine che giocano coi miei capelli, che afferrano e vogliono per se.

    E la principessa ricorda, ricorda quando c'era lei al posto del fratellino.
    E ogni tanto ancora simula quel gesto, appoggia una manina.

    Un grande regalo per tutti: emozioni, ricordi che resteranno sempre.




    18 febbraio 2012: il mio piccolo Angelo in cielo
    Se c'è qualcosa che desideriamo cambiare nel bambino, dovremmo prima esaminarlo bene e vedere se non è qualcosa che faremmo meglio a cambiare in noi stessi. (C.G. Jung)

    Re: Il seno non è solo nutrimento

    L'emozione più grande è stato riallacciare il contatto perduto troppo presto con Leonardo.
    Vedere, dopo mesi, come la memoria non fosse andata perduta, come lui ricordasse ed ancora desiderasse recuperare quel gesto, e con quanta dolcezza!
    Sì, allattarli contemporaneamente è stato questo: tenerezza e dolore, senso di colpa per aver concluso quella meravigliosa parentesi troppo in fretta.

    Re: Il seno non è solo nutrimento

    GM ed io ci portavamo dietro una ferita, non avendo goduto di quel nutrimento totalizzante che l'allattamento dona.

    Dopo la nascita del fratello, per qualche tempo, lo ha osservato poppare ed inebriarsi di questo nettare,
    finché un giorno non ha domandato di poterlo fare pure lui.

    Non saprei descrivere quanto è stato importante, prezioso, terapeutico per entrambi!

    Ancora ripenso a quei momenti.

    Lui, dapprima timido, poi emozionato (le sue manine vibravano in preda alla sensazione piacevole di ripristino del benessere), ha continuato a lungo a poppare e domandarmi di poterlo fare ogni qual volta ne avesse sentito il bisogno.

    Per mesi e mesi, di tanto in tanto, ha rinnovato questi momenti che, se è possibile, diventavano ancora più vibranti quando a poppare erano entrambi, stringendosi la mani o accarezzandosi l’uno l’altro.

    E' stato come sentire una ferita rimarginarsi.

    Credevo che l' assenza di quel "contatto" sarebbe stato inesorabile, un dato da accettare,
    invece...





    Desiderare di concepire un figlio significa mettere in moto delle energie pensiero, dare loro una forma e delle connotazioni anche emozionali che costituiranno il primo nido in cui nascerà il bambino. Perciò occorre che quel primo nido, costruito dai pensieri dei genitori, sia forte e di buona qualità.

    Re: Il seno non è solo nutrimento

    lavale e Metabolé, se ho capito bene i vostri primogeniti avevano preso il seno per poco o per nulla e voi li avete allattati in tandem col secondogenito? Quindi molto tempo dopo che loro avevano smesso? E`solo per curiositá... perché mia figlia invece non credo proprio si ricordi, come invece dice manulabadula, eppure non aveva smesso da molto. Ha poppato le ultime volte in gennaio (aveva due anni e 4 mesi) e la sorellina é nata a luglio. Le prime settimane mi ha chiesto due-tre volte di provare, ma non ha nemmeno ciucciato in realtá, ma solo appoggiato la bocca al seno. E poi non me l´ha piú chiesto. Non credo proprio se lo ricordi, ma proveró a chiederglielo.



    Re: Il seno non è solo nutrimento

    chiaraK

    Ho allattato Leonardo per 15 mesi, un distacco indubbiamente troppo precoce
    E' andata proprio così: ha osservato il fratellino poppare, e (nelle sue espressioni di allora, senza parole) ha provato il desiderio di imitarlo.
    Le prime volte era come impacciato, come se non ricordasse, ma in realtà l'istinto non era ancora sparito. E' bastato riaccostarsi per ricordare (ricorda ancora adesso, ogni tanto chiede).
    Non era passato molto tempo, alla fine (meno di un anno).

Permessi di Scrittura

  • Tu non puoi inviare nuove discussioni
  • Tu non puoi inviare risposte
  • Tu non puoi inviare allegati
  • Tu non puoi modificare i tuoi messaggi
  •